Covid, aggiornamento: 27 nuovi contagi nei comuni dell’Appennino

Dopo l' elevato numero di positivi nei giorni scorsi, complice anche le vacanze natalizie, oggi in provincia di Reggio Emilia si registra un calo nei contagi.

Su 475 nuovi casi positivi, 60 sono riconducibili a focolai già noti, 415 classificati come sporadici; 469 casi sono in isolamento domiciliare, 6 ricoveri in terapia non intensiva. In data di ieri sono state eseguite 5838 vaccinazioni e nella giornata di oggi, sinora, ne sono state eseguite 2444.

In base ai dati dall'Asl questa l'evoluzione nei comuni della montagna:

Baiso 1

Canossa 3

Carpineti 1

Casina 1

Castelnovo Monti 7

Toano 2

Vezzano 8

Villa Minozzo 4

 

Aggiornamento regionale

Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 566.261 casi di positività8.014 in più rispetto a ieri, su un totale di 31.140 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti è del 25,7%, un valore non indicativo dell’andamento generale visto il numero di tamponi effettuati, che nei giorni festivi è inferiore rispetto agli altri giorni e soprattutto i tamponi molecolari vengono fatti prioritariamente su casi per i quali spesso è atteso il risultato positivo.

Sono 131 i pazienti attualmente ricoverati nelle terapie intensive dell’Emilia-Romagna (+1 rispetto a ieri); l’età media è di 63,2 anni. Sul totale, 95 (quindi il 72,5%non so\no vaccinati (età media 61,2 anni), mentre 36 sono vaccinati con ciclo completo (età media 67,7 anni). Per quanto riguarda i pazienti ricoverati negli altri reparti Covid, sono 1.528 (+77 rispetto a ieri), età media 69,1 anni.

Rispetto ai 9.090 nuovi casi registrati ieri, la crescita dei contagi oggi registra un -11,8% (-25,8% ieri), mentre quella dei ricoverati nei reparti Covid un +5,3% e nelle terapie intensive un +0,8%, sempre rispetto a ieri.

Continua intanto la campagna vaccinale anti-Covid. Il conteggio progressivo delle dosi di vaccino somministrate si può seguire in tempo reale sul portale della Regione Emilia-Romagna dedicato all’argomento: https://salute.regione.emilia-romagna.it/vaccino-anti-covid, che indica anche quanti sono i cicli vaccinali completati e le dosi aggiuntive somministrate. Tutte le informazioni sulla campagna: https://vaccinocovid.regione.emilia-romagna.it/

Alle ore 15 sono state somministrate complessivamente 8.512.309 dosi; sul totale sono 3.614.837 le persone over 12 che hanno completato il ciclo vaccinale, il 90%, mentre quelle con almeno una dose (3.696.550) sono arrivate al 92%, sempre degli over 12. Le terze dosi già fatte sono 1.427.936.

Prosegue l’attività di controllo e prevenzione: dei nuovi contagiati, 4.263 sono asintomatici individuati nell’ambito delle attività di contact tracing e screening regionali. Complessivamente, tra i nuovi positivi 74 erano già in isolamento al momento dell’esecuzione del tampone, 346 sono stati individuati all’interno di focolai già noti.

L’età media dei nuovi positivi di oggi è 37,6 anni.

Sui 4.263 asintomatici, 142 sono stati individuati grazie all’attività di contact tracing, 59 con gli screening sierologici, 439 attraverso i test per le categorie a rischio introdotti dalla Regione, 3 tramite i test pre-ricovero. Per 3.620 casi è ancora in corso l’indagine epidemiologica.

La situazione dei contagi nelle province vede Bologna con 2.068 nuovi casi, seguita da Modena (1.181). Poi Ravenna (897), Parma (793), Rimini (715) e Piacenza (609). Quindi Ferrara (535), Reggio Emilia (475), Cesena (353) e Forlì (206). Infine, il Circondario Imolese con 182 nuovi casi.

Questi i dati - accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste istituzionali - relativi all’andamento dell’epidemia in regione.

Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 16.597 tamponi molecolariper un totale di 7.346.025. A questi si aggiungono anche 14.543 test antigenici rapidi.

Per quanto riguarda le persone complessivamente guarite, sono 1.207 in più rispetto a ieri e raggiungono quota 448.179. I casi attivi, cioè i malati effettivi, oggi sono 103.826 (+6.790). Di questi, le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 102.167 (+6.712), il 98,4% del totale dei casi attivi.

Purtroppo, si registrano diciassette decessi: uno in provincia di Parma (1 donna di 83 anni); uno in provincia di Reggio Emilia (1 uomo di 84 anni); sei in provincia di Bologna (2 uomini di 69 e 95 anni e 4 donne di 78, 79, 86 e 96 anni); cinque in provincia di Ferrara (1 donna di 82 anni e 4 uomini di 79, 85, 90 e 97 anni); uno in provincia di Ravenna (1 donna di 101 anni); tre in provincia di Forlì-Cesena (2 uomini di 69 e 74 anni e 1 donna di 79 anni).

In totale, dall’inizio dell’epidemia, i decessi in regione sono stati 14.256.

Sul territorio, i pazienti ricoverati in terapia intensiva sono così distribuiti: 1 a Piacenza (invariato rispetto a ieri), 10 a Parma (invariato); 14 a Reggio Emilia (+1); 15 a Modena (invariato); 31 a Bologna (+2); 9 a Imola (invariato); 19 a Ferrara (invariato); 13 a Ravenna (-2); 1 a Forlì (invariato); 3 a Cesena (invariato); 15 a Rimini (invariato).

Questi i casi di positività sul territorio dall’inizio dell’epidemia, che si riferiscono non alla provincia di residenza, ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi: 32.567 a Piacenza (+609, di cui 129 sintomatici), 42.906 a Parma (+793, di cui 133 sintomatici), 65.174 a Reggio Emilia (+475, di cui 425 sintomatici), 90.409 a Modena (+1.181, di cui 579 sintomatici), 116.411 a Bologna (+2.068, di cui 934 sintomatici), 17.907 casi a Imola (+182, di cui 102 sintomatici), 35.785 a Ferrara (+535, di cui 9 sintomatici), 49.458 a Ravenna (+897, di cui 609 sintomatici), 27.006 a Forlì (+206, di cui 177 sintomatici), 30.830 a Cesena (+353, di cui 234 sintomatici) e 58.618 a Rimini (+715, di cui 420 sintomatici).

Rispetto a quanto comunicato nei giorni scorsi, sono stati eliminati 16 casi: 14 in quanto positivi a test antigenico ma non confermati da tampone molecolare, e 2 perché giudicati non Covid-19.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

2 Commenti

  1. Queste statistiche, redatte dalla regione e dal servizio sanitario, lasciano il tempo che trovano, poiché tanti positivi non sono ancora tracciati e chiamati dall’ausl a una settimana dal tampone molecolare.
    Il sistema del tracciamento è in affanno. Non a caso ora ha la stessa validità il rapido per poter tornare al lavoro, pur non essendo attendibile allo stesso modo.
    Ho un figlio positivo che da 6 gg non ha ancora ricevuto il form dei contatti stretti da compilare. I parenti sarebbero liberi di uscire, in una zona grigia. Solo la responsabilità dei singoli indica la strada giusta: isolamento e cautela. Questo commento solo per dire: attenti, molta più gente positiva è presente sul territorio e forse qualche irresponsabile pure in giro.

    Antonella

    Rispondi
  2. Ci si sente abbandonati…
    Da che mondo è mondo qualsiasi malattia veniva gestita dal proprio medico di base…
    Ora passano tutto all’Asl e sinceramente non capisco questa pressoché totale assenza dei medici di base in questa faccenda…
    Bisogna barcamenarsi tra SMS E-MAIL MODULI TAMPONI LABORATORI A PAGAMENTO è un costante fai da te …
    Non dovrebbe essere così un malato è un malato.
    Auguri a tutti ma proprio tutti.

    Alessandra

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48