Home Editoriale Novità in arrivo per Redacon

Novità in arrivo per Redacon

258
1

Redacon avrà bisogno del tuo sostegno per crescere insieme alla comunità dei suoi lettori e lettrici

Nato nel settembre 2004 dall'idea di creare un giornale che potesse rappresentare un territorio così vasto e suggestivo quanto marginale rispetto alla Provincia, Redacon è l'unico sito d'informazione online dell'Appennino reggiano: un territorio che comprende 9 Comuni montani e dove vivono circa 4omila persone.

Redacon è l'acronimo che sta per Redazione della Cooperativa Novanta, di cui fanno parte anche Radionova e Reggio Emilia Meteo. Ad oggi, tra redattori e collaboratori siamo oltre una trentina, ma vecchie guardie e nuove leve si alternano per permettere continuità a una realtà come Redacon, che si basa su una solida rete di volontariato. Passione per l'informazione e amore per il territorio è quindi ciò che ci spinge ogni giorno per poter offrire questo servizio alla comunità montana.

In oltre diciotto anni di esperienza molte cose sono cambiate e stanno cambiando. La necessità di migliorare i nostri servizi ci ha portato, come Radionova, a riprendere in mano il palinsesto e il sito della radio, così come il logo. A realizzare nuovi programmi in diretta dai nostri studi presso l'Oratorio Don Bosco di Castelnovo ne' Monti, ma anche a stringere nuove collaborazioni da tutta Italia. Da ultima Radio Proposta, radio comunitaria locale della Valle d'Aosta.

E ora Redacon... tra pochi giorni ti sveleremo le novità con cui vogliamo migliorare il sito, la grafica e l'usabilità della sua interfaccia nel leggere le notizie da smartphone. Un progetto ambizioso per rimanere sempre aggiornati e continuare a crescere insieme. Ma non vogliamo rivelare oltre.

La cooperativa Novanta è parte di un territorio in continua evoluzione, dinamico, così come i nostri lettori le cui abitudini e conoscenze tecnologiche cambiano e si velocizzano. Questo nuovo progetto ha intenzione di coinvolgerti in prima persona per mantenere attivo un servizio unico e necessario per le comunità montane. Chi si curerà di noi se non noi stessi?

1 COMMENT