Home Economia Pnrr nidi e asili, un’opportunità per il territorio

Pnrr nidi e asili, un’opportunità per il territorio

7
0

Grazie ai fondi del Pnrr, ben 48 nidi e asili reggiani potrebbero essere costruiti, ampliati, riqualificati o messi in sicurezza.

E' questo il risultato della ricognizione effettuata dalla Provincia di Reggio Emilia in tutti i comuni e sottoposta alla regione Emilia-Romagna, che nei giorni scorsi l'ha approvata.

Ora i Comuni potranno candidarsi al bando del Piano nazionale di ripresa e resilienza del Ministero dell’istruzione, che scadrà il prossimo 28 febbraio e che mette a disposizione ben 800 milioni di euro. “Oltre 230, per un importo complessivo di 316,3 milioni, gli interventi ammissibili al riparto dei fondi Pnrr in tutta la regione, 48 quelli in territorio reggiano”, annuncia la vicepresidente con delega all'istruzione della Provincia di Reggio Emilia, Ilenia Malavasi, spiegando come “i 58,3 milioni di fondi Pnrr, uniti a 4,17 milioni di cofinanziamento dei Comuni, potrebbero garantire lavori per 62 milioni e mezzo di euro a favore di 24 asili, 12 poli dell'infanzia e 12 nidi reggiani”.

Questo è il fabbisogno rilevato nel nostro territorio, con ben due nuove strutture previste: un polo per l'infanzia a Vezzano sul Crostolo da 2,5 milioni e un polo per l'infanzia a Toano (2 mln), dove si punta pure a demolire e ricostruire scuola dell'infanzia e primaria (1,7 mln) e il polo di Cavola, destinato ad ospitare la scuola dell'infanzia statale e un nuovo nido con un intervento complessivo da 2 milioni. Significativo anche l'intervento candidato alla riqualificazione funzionale e messa in sicurezza la scuola statale dell'infanzia a Ligonchio di Ventasso (1,86 mln).

“Dopo i 6 milioni, sempre di fondi Pnrr, che ci sono stati assegnati la scorsa settimana per la messa in sicurezza, la prevenzione antisismica e l'efficientamento energetico di scuole medie e superiori, questo bando rappresenta una occasione davvero senza precedenti per riqualificare e rinnovare il patrimonio edilizio di nidi e scuole di infanzia – commenta la vicepresidente della Provincia, Ilenia Malavasi - Potenziare i servizi e innovare la didattica in edifici a basso consumo di energia è una sfida epocale per il nostro Paese. Oggi i nostri nidi accolgono il 32,2% dei nati e le materne l'88,3% dei bambini, dati importanti, ma di poco sotto la media regionale: dobbiamo fare di più per garantire un posto ad ogni bambino che voglia accedere ai nostri servizi, conosciuti in tutto il mondo per la loro qualità. Ammodernando e rendendo più sicuri e accoglienti nidi e asili, costruendone anche di nuovi, non solo aumenteremo i posti a disposizione, ma potremo anche permettere di sviluppare nuovi progetti dal punto di vista didattico, garantendo al nostro sistema educativo di mantenersi su livelli di eccellenza”.

Articolo precedenteRiaprite le case per anziani
Articolo successivoDue anni di pandemia: il 20 febbraio del 2020 si scopriva il paziente zero

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.