Home Cronaca Galleria del Seminario, il racconto dei volontari della Croce Rossa

Galleria del Seminario, il racconto dei volontari della Croce Rossa

77
5

Il suono del telefono dedicato al 118 è inconfondibile. Il volume è alto perché deve sentirsi da ogni stanza nella quale i volontari possano trovarsi. Poche parole dall'altra parte riferiscono il luogo ed il tipo di intervento.  Codice rosso, si parte a sirena.

Questo pomeriggio l'equipaggio della Croce Rossa, comitato di Baiso-Carpineti esce alle 13,01. Un intervento in galleria è una delle cose peggiori che possano accadere lungo il tratto della SS63.

Se poi sono coinvolti veicoli per il trasporto pubblico e c'è un incendio all'interno, non c'è un attimo da perdere, si deve arrivare il prima possibile. Veloci.

Dall'altra parte della galleria l'equipaggio del comitato di Casina attende di poter capire da quale dei due ingressi si potrà accedere.

"I primi attimi sono stati i più difficili. Siamo arrivati ed il fumo era così intenso da non consentire di vedere nulla oltre l'ingresso - raccontano i componenti dell'equipaggio di Carpineti -. Con noi i Vigili del fuoco, per approntare un intervento in sicurezza. Il timore era che all'interno ci fossero persone incastrate in quell'inferno, che magari stavano attendendo il nostro aiuto. Ed il pensiero è andato subito agli studenti, ai lavoratori pendolari, a tutte le persone che si servono del trasporto pubblico per tornare a casa, proprio in quegli orari. Ma era impossibile entrare in quelle condizioni. Sono stati momenti davvero difficili."

Poi arrivano le prime informazioni e anche gli autisti: quello del trasporto pubblico e quello di un camion che, appena entrato, si era trovato avvolto dal fumo ed era riuscito ad uscire, a piedi, dalla galleria.

Fortunatamente abbiamo appreso che non erano coinvolte altre persone all'interno del tratto di strada interessato ed i soccorsi sono potuti entrare dall'ingresso di Casina. Entrambi gli autisti sono stati portati per i controlli del caso al Pronto Soccorso di Castelnovo ne' Monti.

"E' andata bene, poteva davvero finire in tragedia. Siamo addestrati per affrontare le emergenze, ma speriamo sempre che non accadano, soprattutto emergenze come quella che oggi avrebbe potuto avere esiti ben peggiori."

La Croce Rossa di Baiso-Carpineti sta in questo periodo svolgendo il nuovo corso per aspiranti volontari. Il volontariato rimane la spina dorsale del soccorso d'emergenza, lo dimostra l'intervento di oggi sul quale, in pochi minuti, le squadre sono intervenute.

5 COMMENTS

  1. Un incendio è sempre pericoloso, in galleria poi può facilmente diventare una catastrofe, ma non possiamo dare la colpa all’illuminazione della galleria.
    A mio avviso è MOLTO più pericolosa l’ultima galleria realizzata al Bocco, con quella inutile e pericolosissima, assurda rotonda all’uscita. si verificano incidenti ogni mese. vorrei capire chi è stato ad approvare un progetto del genere. dovrebbe rimediare a tale pericolo pagando di tasca sua!

    Andrea

    • Firma - Andrea
  2. HO FATTO UN SOGNO ….DOPO VENT’ANNI , LA GALLERIA DEL SEMINARIO VIENE CHIUSA E RIAPERTA DOPO CHE SARANNO COMPLETATE TUTTE LE OPERE DI MESSA IN SICUREZZA ……DA TEMPO IO NON LA PERCORRO PIU!!!!!
    MARINO FRIGGERI

    MARINO FRIGGERI

    • Firma - MARINO FRIGGERI
  3. Caro Marino,
    nessun problema se Lei non la vuole più percorrere…avrà sicuramente più tempo di molti altri che invece la vorrebbero percorrere..è davvero così pericolosa? ma in cosa consiste tutto questo pericolo? valutiamo il numero di sinistri avvenuti in questa galleria e quelli invece avvenuti nell’ultima rotonda a valle di Bocco…quele dei due è il tratto più pericoloso?

    Andrea

    • Firma - Andrea
  4. Non so chi è Andrea , probabilmente visto che mi indica con il mio nome , lui conosce me .
    Abbiamo davanti un mese per ripercorrre tutti ,in buona parte , la vecchia S.S . 63.
    Suggerisco un percorso a salire verso la montagna , con uscita a Casina e rientro a Ca del merlo ,mentre a scendere verso Reggio Emilia suggerisco il percorso deviazione Ca del merlo , Casina , rientro s.s 63 dopo localita il Bocco . Avremo allungato di 15 minuti in un senso e nell’altro i tempi di percorrenza e tolto tutti gli elementi di rischio , strutturali .
    Vorrei però invitare il sig ANDREA ad una visita congiunta che durerà una intera giornata su tutta la s.s 63 dalla Bettola fino al Passo del Cerreto .
    Potremmo scoprire le vere criticità che si aggiungono a quella da lui citata che condivdo ,della rotonda del Bocco –
    Vorrei poi suggerire l’opportunità di compiere la visita congiunta un sabato pomeriggio magari allietato di un bella giornata di sole .
    Potremmo verificare entrambi, anche cosa significa sicurezza e rispetto del codice della strada .
    Il sig .ANDREA potrà così convenire che il problema s.s 63 inizia dalla citta Capoluogo e si estende per noi reggiani, fino al Passo del Cerreto .
    Attendo la disponibilità per una visita congiunta .
    FRIGGERI MARINO

    MARINO FRIGGERI

    • Firma - MARINO FRIGGERI