Home Cultura In autobus dalla montagna a teatro

In autobus dalla montagna a teatro

3
0

Dalla montagna al Municipale "Romolo Valli" in autobus per assistere al “Il barbiere di Siviglia".

Riprenderà nelle prossime settimane l’ iniziativa promossa da Fondazione I Teatri e Provincia di Reggio Emilia per permettere ai cittadini di tutto il territorio di assistere agli spettacoli del cartellone del Municipale “Romolo Valli”.

Iniziata con grande successo nell'inverno 2019 con i primi due spettacoli, Lucrezia Borgia di Gaetano Donizetti e Cavalleria Rusticana di Pietro Mascagni, e sospesa nel marzo 202 causa lockdown, la proposta ricalcherà esattamente quella di due anni fa, con una sola variazione: il cambio di nome da “In autobus all'opera” a “In autobus a teatro” in quanto, oltre a Il barbiere di Siviglia, sarà Sette spose per sette fratelli - uno dei musical più amati dal pubblico – il secondo spettacolo a cui sarà possibile assistere con estrema comodità e grande convenienza. Montagna e zona ceramiche – che nella primavera 2020 non avevano potuto assistere al  Falstaff di Giuseppe Verdi – le direttrici che saranno servite, a cui si aggiungeranno i cittadini della Bassa est per la lirica e della Bassa ovest per il musical.

Per due domeniche pomeriggio da Reggiolo a Castelnovo ne' Monti, da Cerredolo a Brescello, ai cittadini sarà dunque data la possibilità di essere comodamente portati in autobus – sul quale verrà loro consegnato il libretto di sala – fino a viale Allegri, nei pressi del Municipale, mezz’ora prima dello spettacolo, per assistere in platea allo spettacolo e, ovviamente, essere poi riportati a casa.

Il costo del servizio è 50 euro e include, oltre al biglietto d'ingresso, anche il viaggio andata e ritorno, in autobus.

A sperimentare per primi la proposta – in occasione de Il barbiere di Siviglia di domenica 27 marzo alle 15.30 – saranno i cittadini della montagna con partenza da Castelnovo Monti e della Bassa est. Per la direttrice proveniente dalla montagna, le fermate saranno Castelnovo ne' Monti (13:57), Felina (14:05), Cà del Merlo (14:11), Casina (14:18), La Vecchia (14:29), Vezzano sul Crostolo (14:36), e Puianello (14:41). L’ arrivo a Reggio Emilia in viale Allegri è previsto per le 15.

E’ obbligatoria prenotare entro il 19 marzo.

“Le prime due corse, l'8 dicembre 2019 e il 9 febbraio 2020, avevano registrato un grande successo e non vedevamo l'ora di completare il programma e riprendere un discorso, interrotto dalla pandemia, che grazie alla collaborazione de I Teatri punta a far sentire il “Valli” patrimonio non solo della città, ma di tutti i reggiani, avvicinandolo anche a chi abita a Guastalla o a Castelnovo Monti, con una sorta di accompagnamento non solo fisico, ma anche culturale”, commenta il presidente della Provincia, Giorgio Zanni.

“Trasmettere la passione per il teatro ad un pubblico sempre più vasto è anche un nostro obiettivo”, aggiunge il direttore dei Teatri, Paolo Cantù, sottolineando “come anche questa volta date e percorsi siano stati studiati per non penalizzare gli altri teatri della provincia, che insieme a noi concorrono a proporre un cartellone culturale davvero di grande qualità e varietà su tutto il territorio”.

“Con il completamento del progetto avviato nell'inverno 2019 non terminerà comunque lo sforzo di Provincia, Teatri e Comuni per avvicinare il più possibile tutti i reggiani alla cultura, sostenendo al contempo un settore particolarmente penalizzato da questi due anni di pandemia”, concludono il presidente Zanni e il direttore Cantù.

 

Articolo precedenteVetto e Ventasso: insediati i consigli comunale dei ragazzi e delle ragazze
Articolo successivo‘Una montagna di aiuti’ per sostenere le popolazioni ucraine

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.