Home Cronaca Casina, va in pensione dopo oltre 35 anni la dottoressa Arne Costoli:...

Casina, va in pensione dopo oltre 35 anni la dottoressa Arne Costoli: “Grazie per il grande affetto”

22
1

Dopo oltre 35 anni, è arrivato il momento della pensione per la dottoressa Arne Costoli a 68 anni: dal 2002 era medico di base nella sua Casina. Tra l’affetto che la sta travolgendo in questi giorni e alcuni ricordi dei suoi anni “in servizio”, ci ha raccontato le proprie sensazioni.

Dottoressa Arne Costoli, cosa prova in questo momento?

“Devo dire che sono un po’ disorientata, stamattina dopo più di 35 anni di lavoro, non andare in ambulatorio è stato molto strano …”.

Cosa le mancherà di più?

“Di sicuro non il computer (sorride, ndr). Dovevo farlo per lavoro, ma non ho mai amato particolarmente la tecnologia, mentre mi mancheranno sicuramente i pazienti, anzi: ora che mi ha telefonato pensavo di rispondere ad un paziente …”.

Da quanto aveva l’ambulatorio a Casina?

“Ero qui dal 2002, vent’anni. Prima avevo fatto la guardia medica per diverso tempo in montagna, ad esempio tre anni a Carpineti, tre anni a Baiso”.

Dove aveva studiato?

“Avevo iniziato gli studi a Parma, poi mi sono sposata e li ho completati a Milano. Poi sono tornata a casa e ho proseguito qui la carriera”.

C’è qualcosa che ricorda in particolare di questi anni?

“Nulla di preciso, però ripeto che mi manca già il rapporto quotidiano col paziente, ho sempre amato proprio il mio lavoro, tolta la parte elettronica come già detto. Volevo essere medico di base, e così è stato. Il mio mestiere è stato proprio bello”.

Lei è di Casina.

“Sì, e lavorare molti anni a casa per me è stata la realizzazione di un sogno. Negli ultimi anni il lavoro di medico di base sta un po’ cambiando, è un po’ diverso, ma ho un ottimo ricordo anche dei primi anni dove si lavorava molto bene. Ho sempre sognato fare il medico di base a Casina, devo dire che sono contenta di esserci riuscita”.

In questi giorni sente l’affetto della gente?

“Si! Più di quanto mi aspettassi, sono sincera. Non credevo così tanto … ogni tanto uso internet e i social ma non sono super tecnologica, e mio figlio mi ha detto che anche su Facebook sono arrivati tantissimi commenti pieni d’affetto. Poi molti mi hanno riempita di messaggini sul telefono, fa davvero tanto piacere”.

Un’ondata di affetto.

“Esatto, e ci tengo a fare dei ringraziamenti. Grazie a tutte le persone che mi hanno scritto. Sono stata molto bene qui e spero che la gente lo sia stata con me, rimarrò comunque in paese e quindi ci rivedremo ancora”.

Cosa farà ora nella vita?

“Ho due nipotini, di cui una appena nata, una grande gioia. Farò la nonna a tempo pieno, come si suol dire”.

Articolo precedenteThe author and his people.Speakeasy a cura di Cecilia Reverberi, Caterina Tosi e Rosa Magnani
Articolo successivoCasina: con l’iniziativa “filiamo la lana” si realizzano oggetti creando momenti di socializzazione

1 commento

  1. Cara Arne, il tuo mestiere è stato molto bello anche per noi, Abbiamo avvertito quanta “cura” mettevi nella cura, abbiamo sentito vicinanza e partecipazione accanto alla competenza. Grazie per esserti fatta trovare, per la tempestività con cui ci hai raggiunto. Adesso goditi la famiglia, mi dà gioia pensarti con i tuoi bimbi, io ti aspetto ai banchettim di libri per Le ali di Camilla che prima o poi ritorneranno.
    Un abbraccio grato
    Giovanna

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.