Home Cronaca La Croce Rossa di Carpineti porge l’ultimo saluto al socio fondatore Andrea...

La Croce Rossa di Carpineti porge l’ultimo saluto al socio fondatore Andrea Croci

39
0

Oggi pomeriggio, alle ore 15, nella chiesa di Carpineti si svolgeranno i funerali del socio fondatore della Croce Rossa di Carpineti Andrea Croci.

Il presidente Alberto Ovi ci tiene a ricordare un uomo di grande correttezza, orgoglioso di indossare la divisa ed il cappello da alpino, socio fondatore nel 1989, ispettore e membro del consiglio direttivo del comitato di Carpineti per quasi 20 anni.

"Nel 2014, quando io sono stato chiamato alla guida del comitato di Carpineti - riferisce Alberto Ovi - ho trovato in lui un aiuto prezioso. Era un uomo dai modi sempre garbati, ma fermi, di una correttezza indiscutibile, sempre pronto ad aiutare chi più aveva bisogno."

"Nel '98 - ricorda Ovi - in occasione degli incontri tra Carpineti e Baiso, che hanno portato alla costituzione del gruppo di Croce Rossa di Baiso, la sua presenza fu fondamentale. Ricordo ci disse "Ma voi sapete a cosa andate incontro?" con un tono ed un sorriso che lasciavano trasparire la sua soddisfazione per un traguardo che avrebbe portato un aiuto prezioso al territorio, al quale è sempre rimasto profondamente legato".

Il volontario Andrea Croci fu inoltre assolutamente prezioso in occasione del trasferimento dalla vecchia sede della Croce Rossa di Carpineti al moderno edificio inaugurato quest'anno, in condivisione con la Protezione civile, del quale era sempre volontario. Ha lavorato incessantemente negli allestimenti degli spazi di entrambe le associazioni, dando consigli ma, soprattutto, lavorando con vigore e costanza per giorni.

Il suo aiuto è stato inoltre fondamentale nella recente campagna di vaccinazione, nella quale non ha mai fatto mancare la sua presenza presso i centri vaccinali, sempre indossando con orgoglio a volte la divisa rossa, altre quella gialla, sempre il cappello da alpino.

Durante la pandemia, inoltre, ha assicurato il suo servizio per rendere sicuro l'accesso dei fedeli alle funzioni religiose che si svolgevano nella Chiesa di Carpineti.