Home Cronaca Da Ligonchio a Succiso a bordo di asino

Da Ligonchio a Succiso a bordo di asino

82
0

Partirà lunedì 11 da Ligonchio la quattro giorni di cammino che porterà i bambini di "Asini, Briganti e Cavalieri" fino a Succiso, attraverso il territorio del comune di Ventasso.

Il Centro di educazione ambiente "Ostello dei Balocchi" di Casalino di Ligonchio, gestito da Legambiente Ligonchio ha fatto del turismo sostenibile un cavallo di battaglia.

E' così che è nata l'idea del trekking “someggiato” per bambini, giunto ormai alla sua quarta edizione.

“L'Ostello dei Balocchi è l'unica struttura all'interno del Parco Nazionale a proporre l'originale formula del turismo “someggiato”, ovvero con l'ausilio degli asini. Ci occupiamo – dichiara Stefano Regio, presidente della Legambiente Ligonchio aps – prevalentemente di attività di educazione ambientale organizzando trekking con gli asini per bambini e famiglie, campi estivi residenziali e scambi europei per giovani finanziati all'interno del progetto Erasmus+. Pensare ad un campo itinerante per bambini che oltre ad attraversare il tratto del Parco Nazionale incluso nel territorio del Comune di Ventasso potesse far conoscere a loro diverse realtà che propongono formule di turismo sostenibile di alto livello e allo stesso tempo diverse tra loro, è un ulteriore valore aggiunto. È per questo che il trekking partirà proprio dal Cea Ostello dei Balocchi per attraversare il territorio del Cerreto, dove opera la cooperativa dei Briganti del Cerreto, per arrivare a Succiso, ospiti della cooperativa di comunità Valle
dei Cavalieri.”

“Lo sviluppo del turismo sostenibile, inteso come identità e volano per il rilancio dell'economia del nostro Appennino, è da sempre la nostra principale ispirazione che ha dato vita al progetto Ostello dei Balocchi nel 2010 – precisa Airin Toscani, responsabile dell'educazione ambientale – e abbiamo sempre cercato di sottolineare questo aspetto in tutte le attività che proponiamo. Il trekking “Asini, Briganti e Cavalieri” va proprio in questa direzione ed è un primo passo di un progetto più vasto che nell’agosto prossimo prevedrà uno scambio internazionale giovanile finanziato dal programma Erasmus+ incentrato sull’attivazione giovanile in ambito rurale attraverso la riqualificazione ambientale utilizzando percorsi di natural art. ”