Home Homepage A Cecciola un museo a cielo aperto

A Cecciola un museo a cielo aperto

92
0

Il Museo diffuso Valli dei Cavalieri, presentato dall’associazione di comunità “Cecciola insieme”, che attualmente unisce 13 borghi dell’Appennino tra Reggio e Parma ha inaugurato la scorsa domenica 31 luglio: un museo a cielo aperto e che si apre alla comunità, con un ruolo partecipativo e propositivo; la memoria come occasione di riflessione, crescita e di consapevolezza civica.

Il progetto è stato realizzato con il contributo della Fondazione Pietro Manodori nell’ambito del bando WelCom2020 per supportare l’innovazione del welfare, dei servizi alla persona e dello sviluppo del territorio.

Il percorso si sviluppa all’interno di 13 borghi (Vairo di sotto e di sopra, Montedello, Nirone, Pieve SanVincenzo, Miscoso, Rigoso, Aneta, Cecciola, Vallisnera di sotto e di sopra, Succiso vecchio e nuovo) fra le memorie di luoghi non cristallizzati in un determinato momento storico, ma inseriti in un contesto vivo, carico di memorie stratificate, plurali che costituiscono frammenti della identità di una comunità.
I punti d’interesse sono 40 e sono segnalati da un QR code, che permette la fruizione ed il coinvolgimento anche delle generazioni più giovani.

Esperienza importante che trova la sua forza nella rete fra borghi, associazioni del territorio e ha legami capillari con la comunità che abita il territorio. Il museo vuole raccontare, valorizzare il patrimonio culturale materiale ed immateriale, tipicità e sapori diffusi nelle Valli dei Cavalieri insieme alle comunità che le abitano; una innovazione che comprende l’inclusione sociale, stimola la partecipazione e l’attivazione delle comunità locali con l’obiettivo di rafforzare l’identità e l’attrattività del territorio.