Home Homepage A Toano e Carpineti i campionati italiani di Ruzzola

A Toano e Carpineti i campionati italiani di Ruzzola

232
0

Arriva in Appennino un appuntamento importante legato ad un gioco tradizionale che ha forti radici sul territorio, la Ruzzola o Ruzzolone: i campionati italiani si giocheranno sui campi di Toano e Colombaia di Carpineti dal 26 al 28 agosto, e richiameranno appassionati da molte regioni. Questo gioco fa parte della Federazione Italiana degli Sport Tradizionali, riconosciuta dal Coni, e in Appennino conta tanti praticanti, anche giovani, che partecipano alle gare che dalla primavera all’autunno si svolgono anche fuori regione.

Dunque l’appuntamento è dal 26 al 28 agosto nel doppio impianto di Colombaia di Carpineti e di Toano. L’organizzazione dell’evento Figest (Federazione Italiana Sport e Giochi Tradizionali) è affidata alle ASD del territorio reggiano, e la manifestazione è patrocinata dalla Regione Emilia-Romagna, dall’Unione Montana dei Comuni dell’Appennino Reggiano, dalla Provincia di Reggio Emilia, dal Comune di Carpineti, dal Comune di Toano e da Sport Valley Emilia Romagna.

Il programma prevede venerdì 26 agosto, dalle ore 8 alle 14, prove libere su tutti gli impianti. Poi si inizierà con le gare vere e proprie a partire dal Campionato Italiano Giovanile che si svolgerà sui campi di Toano. Alle 18,30 sfilata, con ritrovo nella sede della Croce Rossa Italiana, sempre a Toano. Alle 19 saluti delle autorità e, a seguire, premiazioni dei neo Campioni Italiani Giovani. Infine momento conviviale offerto dal comitato organizzativo.

Sabato 27 agosto, alle ore 8, taglio dei nastri e apertura dei giochi. Le competizioni si svolgeranno nell’impianto di Colombaia, per le categorie A e C, e in quello di Toano, per la categoria B. Domenica 28 agosto, a partire dalle ore 8, inizio delle fasi finali nell’impianto di Colombaia per tutte le categorie. Alle 15 è prevista la premiazione con la chiusura della manifestazione.

Il lancio del ruzzolone, o ruzzola, buzzica o rutolone, uno dei giochi più antichi presenti in Figest e uno dei giochi da cui la stessa Federazione ha avuto origine, è un gioco itinerante che si pratica con un disco di legno. Si gioca in due, ognuno per sé, oppure due coppie o squadre contrapposte. Ogni giocatore avrà il suo ruzzolone, una fettuccia con il rocchetto e una maniglia per il lancio. È una disciplina che si può praticare per strada ma ufficialmente come sport si pratica su percorsi naturali di almeno 500 metri, i treppi. Vince chi, a parità di tiri prestabiliti, supera l’avversario.
Le origini del lancio del ruzzolone sono molte antiche, sicuramente antecedenti al XV secolo. Il gioco deriva dal lancio della forma del formaggio tanto che il disco di legno che serve per praticarlo assomiglia proprio a questa.