Agricoltura, in Emilia Romagna 913,2 milioni di euro

Ammontano a 913,2 milioni di euro i fondi per lo sviluppo rurale da qui al 2027, cifra che mette la regione al primo posto per valore delle risorse ottenute fra le Regioni del Centro-Nord: il 40% dall’Europa, quasi 372 milioni, e il restante 60% fra finanziamento statale (379 milioni) e regionale (162,5 milioni).

Si tratta di oltre 132 milioni di euro in più rispetto alla programmazione europea 2014-20, considerati nel nuovo settennato 2021-27 anche i due anni del Psr di transizione 2021 e 2022.

La Giunta regionale ha definito progetti e priorità di utilizzo dei fondi, approvando la delibera sul complemento di programmazione per lo sviluppo rurale del Piano strategico della PAC 2023-2027.

Tre le macro-aree di intervento: competitività, reddito delle imprese e la buona occupazione, cui andranno 286 milioni di euro (31,33% del totale); sostenibilità ambientale dei processi produttivi e delle colture, 404 milioni, pari al 44,25% delle risorse, e quindi la quota maggiore; sviluppo equilibrato dei territori, a partire dalle aree montane e interne, con 149 milioni di euro (16,32%). Sono poi previste azioni sull’innovazione digitale in agricoltura a tutte le aree di intervento, per le quali sono disponibili 51 milioni (5,58%).

Il provvedimento è atteso ora in assemblea legislativa: prima l’iter in commissione quindi l’approdo in aula per l’esame definitivo. Sarà poi trasmesso al ministero delle Politiche agricole e successivamente inviato alla Commissione europea per l’approvazione finale, possibile già entro l’anno.

Con questo atto la Giunta chiude la programmazione relativa ai fondi europei per il nuovo settennato, dopo aver già ottenuto il via libera da Bruxelles ai Programmi Fesr (Fondo europeo di sviluppo regionale) e Fse (Fondo sociale europeo) Plus.

Il documento prevede tre aree principali di intervento: competitività, sostenibilità ambientale e sviluppo equilibrato dei territori. Più una trasversale che riguarda la sfida digitale in agricoltura e l’innovazione nelle aree rurali che interessa tutti i capitoli del Programma.

Il primo obiettivo di competitività potrà contare su risorse complessive per oltre 286 milioni di euro, il 31,33 % del totale, di cui 176 milioni per investimenti che attiveranno interventi privati per altri 216 milioni di euro.

Il secondo, che riguarda la sostenibilità ambientale, ha una dotazione di oltre 404 milioni di euro, pari al 44,25% delle risorse totali, di cui 326 milioni per interventi a superficie o a capo e oltre 77,7 milioni per investimenti di natura ambientale che attivano oltre 26 milioni di investimenti privati.

Per il terzo cardine del piano, lo sviluppo equilibrato dei territori, le risorse ammontano a oltre 149 milioni di euro pari al 16,32% delle risorse totali.

Le azioni per sostenere innovazione e sfida digitale in agricoltura e nelle aree rurali sono trasversali a tutte le aree di intervento. Vanno sotto l’etichetta di Akis (Agricultural knowledge and innovation system) e hanno un budget complessivo di circa 51 milioni di euro, pari al 5,58% delle risorse totali.

Coldiretti Emilia Romagna plaude l'attenzione posta dall' esecutivo regionale al settore che beneficerà di quasi un miliardo di euro, con 132 milioni in più rispetto alla precedente programmazione.  “In un momento così delicato per le imprese è fondamentale – sottolinea il Direttore di Coldiretti Emilia Romagna Marco Allaria Olivieri – il sostegno garantito dalla Regione ai giovani, alla montagna e agli investimenti, un passo importante questo per assicurare competitività e reddito alle imprese, ma anche per migliorare i processi produttivi e favorire lo sviluppo dei territori, a partire dalle aree più svantaggiate, come quelle montane e interne”.

«Guardiamo con attesa e aspettativa gli effetti della nuova programmazione sulla nostra provincia – – commenta il direttore della Coldiretti reggiana Alessandro Corchia. Dalla precedente 2014-2022 Reggio Emilia ha avuto grandi soddisfazioni riuscendo a far partire oltre 350 imprese di giovani under 40».

Sono infatti oltre 350 le domande finanziate o in corso di finanziamento nella provincia reggiana, attraverso gli aiuti destinati ai giovani con il primo insediamento, per la realizzazione di investimenti che permettono lo sviluppo di imprese agricole sostenibili sul territorio.

 

 

 

 

 

 

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48