Home Cronaca Alle scuole medie di Felina uno spazio per studiare all’aperto

Alle scuole medie di Felina uno spazio per studiare all’aperto

928
0

All' IC Bismantova di Castelnovo è stata inaugurata una nuova struttura per la didattica all’aperto, alla presenza del sindaco Enrico Bini, del responsabile della direzione Emilia Adriatica di Banco Bpm Stefano Bolis e della dirigente scolastica Giuseppina Gentili.

Si tratta di uno spazio dotato di una pavimentazione che ne consente l’utilizzo anche in caso di suolo bagnato, condiviso da 10 classi per un totale di circa 180 ragazzi.

“Con il Progetto Scuola vogliamo intercettare le esigenze delle scuole che spesso necessitano di semplici interventi per ottenere importanti benefici – spiega Stefano Bolis, responsabile della direzione Emilia Adriatica di Banco Bpm durante la visita a Felina – Si tratta di un lavoro di ascolto, di vicinanza concreta al territorio grazie al quale dal 2018 ad oggi abbiamo supportato in Emilia-Romagna oltre cento istituti promuovendo interventi di miglioramento delle strutture e al tempo stesso più inclusione e sicurezza per i bambini e le loro famiglie”.

Afferma il primo cittadino: “In questi anni stiamo investendo molto sulle nostre strutture scolastiche e avere dei partner che credono nei nostri progetti, come Banco Bpm in questa occasione, è fondamentale per integrare le azioni sull’edilizia scolastica. In questo caso abbiamo potuto mettere a disposizione degli studenti della sede di Felina alcune strutture che potranno consentire di fare lezione e trascorrere del tempo anche negli spazi esterni della scuola. Questo rappresenta un’occasione di grande importanza per far loro comprendere il valore del nostro ambiente naturale, del paesaggio e dell’Appennino in generale, la consapevolezza di star crescendo in un territorio che ha molto da offrire loro”.

Il Progetto Scuola di Banco Bpm è stato avviato nel 2018 e da allora si è focalizzato sul sostegno di 579 istituti pubblici in tantissimi comuni d’Italia per migliorare la didattica anche a distanza, implementare il materiale e le connessioni telematiche, aumentare i dispositivi di protezione, aggiornare gli spazi comuni e promuovere la didattica outdoor.

 

Articolo precedenteCi ha lasciato Savino Ferrari
Articolo successivoAppennino, una tappa del “Walk Program” all’Acetaia Razzoli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.