Home Cronaca Baiso, nel 2019 violentò la fidanzata: la condanna diventa esecutiva

Baiso, nel 2019 violentò la fidanzata: la condanna diventa esecutiva

1174
0

Un 51enne residente a Baiso è stato condotto in carcere dai carabinieri della locale stazione in esecuzione di un provvedimento restrittivo: è stato condannato a oltre 6 anni di carcere per violenza sessuale aggravata.

Stava scontando gli arresti domiciliari nella sua casa a Baiso.

L’uomo entrò a casa dell’ex ragazza, a Modena, e dopo averla chiusa in camera e bloccata su un angolo del letto, le puntò un coltellino svizzero per poi violentarla. Dopo i fatti che avevano portato l’uomo a essere tratto in arresto in flagranza del reato di violenza sessuale aggravata e minaccia si è svolto l’iter processuale: nel settembre del 2020 l’uomo è stato riconosciuto colpevole dal Tribunale di Modena e condannato a 6 anni e un mese di reclusione e alle pene accessorie dell’interdizione dai pubblici perpetua e interdizione, sempre perpetua, dall’esercizio di tutela e curatela.

La sentenza è stata confermata dalla seconda sezione della Corte d’Appello di Bologna nell’ottobre del 2021.

La condanna divenuta esecutiva il 28 ottobre scorso in quanto la Suprema Corte di Cassazione ne ha dichiarato inammissibile il ricorso, ha visto l’ufficio esecuzioni penali della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Modena emettere il provvedimento di esecuzione per la carcerazione del 51enne. Ricevuto il provvedimento i carabinieri della stazione di Baiso vi hanno dato esecuzione conducendo presso il carcere di Reggio Emilia. Detratto il periodo pre-sofferto in custodia cautelare prima in carcere e poi ai domiciliari l’uomo sarà scarcerato, se non detenuto per altra causa, il 15 ottobre del 2025.