Home Diocesi ne' Monti Unita Pastorale di Carpineti: oggi in tutte le Diocesi si celebra la...

Unita Pastorale di Carpineti: oggi in tutte le Diocesi si celebra la Giornata Mondiale della Gioventù

153
0

UNITÀ PASTORALE DI CARPINETI (335/8257036)

 San Prospero, San Biagio, San Donnino, San Pietro, Onfiano, Pantano, Pianzano, Poiago e Pontone

Vita parrocchiale dal 20 al 27 novembre 2022

DOMENICA

20 novembre

Solennità di Nostro Signore Gesù Cristo, Re Dell’Universo

S. Messe. Carpineti ore 8.30 (pro populo) ore 11.15 (defunti di Montermini Onildo)

ore 18.00 (def. Giberti Renato, Ivalda e Ettore)  Pontone  ore 10.0  Pantano ore 10.00

LUNEDI’

21 novembre

Al termine dell’anno liturgico riconosciamo Cristo come il centro della nostra vita e di tutta la storia. Lui è il Re dell’universo e il suo è un Regno di pace e di giustizia nel quale siamo chiamati a vivere                    e impegnarci con la nostra missione di discepoli.

Presentazione della B. V. Maria

S. Messa: ore 18.00 (libera intenzione) all’asilo

MARTEDI’

22 novembre

Santa Cecilia

S. Messa. ore 18.00 (libera intenzione) all’asilo

MERCOLEDI’

23 novembre

S. Messa: ore 10.30 (libera intenzione) in chiesa                                                                                                                                                          
GIOVEDI

24 novembre

San Prospero Patrono di Reggio e Carpineti

S. Messa: ore 10.30 e 20.30 (pro populo)

VENERDI’

25 novembre

Santa Caterina di Alessandria

S. Messa: ore 18.00 (Anime del purgatorio) all’asilo   

SABATO

26 novembre

S. Messe prefestive: ore 18.00 S. Donnino    Velluciana ore 19.00
DOMENICA

27 novembre

Prima Domenica di Avvento

S. Messe. Carpineti ore 8.30 (def. Serri Sergio) ore 11.15 (pro populo)

ore 18.00 (libera int.)  Pontone  ore 10.00 (def. Comastri Ruggero)     Pantano ore 10.00

 

 MEDITAZIONE DOMENICALE. La croce, segno regale di salvezza. Croce e regalità appare un binomio impossibile. I discepoli e la chiesa delle origini hanno dovuto misurarsi con lo scandalo della croce e comprendere il mistero alla luce dell’insegnamento di Gesù e delle Scritture. Il credente è chiamato a contemplare nel legno di Cristo il segno della redenzione e salvezza del mondo. La regalità di Cristo non si manifesta in maniera prodigiosa; la croce è il trono dal quale egli regna senza violenza. Nel segno dell’amore, egli persevera nella fedeltà al disegno di Dio, che estende ad ogni uomo, per quanto peccatore, la salvezza: è ammesso alla comunione con il Signore nella gloria (vangelo). L’unzione regale di Davide a Ebron  pone fine al periodo di instabilità politica e militare dopo che Dio ha delegittimato Saul. Il re è chiamato a pascolare Israele per conto del Signore, mettendo in atto la sua volontà; la fedeltà e la lealtà del re verso Dio garantiscono la prosperità del popolo (prima lettura). Paolo invita i Colossesi a unirsi al suo ringraziamento a Dio perché in Gesù Cristo è stata concessa la remissione dei peccati. È lui il mediatore della creazione e della redenzione: per mezzo di lui ogni cosa è creata e redenta (seconda lettura).

 OGGI È LA GIORNATA MONDIALE DELLA GIOVENTU’. Oggi in tutte le Diocesi si celebra la Giornata Mondiale della Gioventù. Le GMG sono un inno corale alla vita di numerosi giovani che si mettono in cammino per condividere la propria fede in Gesù Cristo. Esse vengono celebrate ogni anno a livello diocesano nella solennità di Cristo Re, dopo lo spostamento voluto da papa Francesco (prima del 2021 si tenevano nella domenica delle Palme). A livello internazionale la Giornata viene celebrata ogni due o tre anni in una città scelta dal Papa. L’ ultima volta fu a Panama con papa Francesco (22-27 gennaio 2019) L’edizione del 2022 a causa della pandemia, è stata invece rinviata (01-06 agosto 2023). Si celebrerà a Lisbona, in Portogallo, sul tema: ”Maria si alzò e andò in fretta”. Il papa ha indicato ai giovani l’importanza di mettersi in cammino in un percorso di discernimento. Bisogna essere sempre pronti, ma mai ansiosi. La prima GMG si tenne a Roma il 23 marzo 1986 con papa Giovanni Paolo II. Il santo Papa e santa Madre Teresa di Calcutta furono successivamente designati patroni della manifestazione. Spero che qualche giovane della nostra Unità Pastorale desideri partecipare con il gruppo che si formerà nel Vicariato della Montagna.

IL 21 NOVEMBRE SI CELEBRA LA GIORNATA DELLE MONACHE DI CLAUSURA. Le mani alzate… un dono fraterno. Era il 13 maggio 1953 quando, per volontà di Papa Pio XII, si celebrò per la prima volta la Giornata pro Orantibus dedicata alle comunità di vita contemplativa sparse in tutto il mondo. Dal 1955 questo appuntamento è fissato al 21 novembre, memoria liturgica della Presentazione di Maria al Tempio, perché nell’offerta radicale della Vergine al Signore si riconosce pienamente l’ideale della vita consacrata. “Sappiate una cosa: la Chiesa non vi tollera, la Chiesa ha bisogno di voi! Con la vostra vita fedele siate fari e indicate Colui che è via, verità e vita, l’unico Signore che offre pienezza alla nostra esistenza e dà la vita in abbondanza”. Così si rivolgeva Papa Francesco nel gennaio scorso alle religiose di vita contemplativa a Lima in Perù. Parole che, in occasione della Giornata che si celebrerà anche quest’anno il 21 novembre, ben si adattano a ricordare e ad evidenziare la presenza feconda di coloro, donne e uomini, che donano ogni giorno nella preghiera e nel silenzio operoso se stessi per i fratelli, la Chiesa e il mondo intero. Nella nostra Diocesi sono presenti tre monasteri di clausura: le Serve di Maria a Montecchio, le Cappuccine a Correggio e le Clarisse a Sassuolo; loro pregano per noi e noi per loro.

  1. PROSPERO PREGA PER NOI. Giovedì 24 si celebra la festa del nostro Patrono, abbiamo bisogno di rivolgerci alla sua intercessione, vi invito a partecipare alla S. Messa delle 10.30 o a quella delle 20.30.

Offerte ricevute: Rossi Ornella per la Caritas Parrocchiale. Giberti  Daniela per la parrocchia. A tutti Grazie!

Articolo precedenteLa Pietra su un grande schermo (Foto di Pia Bertucci)
Articolo successivoGruppo Associazione La rinascita: “Vogliamo risposte certe sul Sant’Anna”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.