Home Cultura “Ancora a Canossa”: presentazione del volume con gli esiti della campagna di...

“Ancora a Canossa”: presentazione del volume con gli esiti della campagna di ricerca archeologica

191
0

Al Teatro Comunale di Ciano d’Enza avrà luogo, sabato 28 gennaio 2023, con inizio alle ore 10:00 il convegno di presentazione del volume con gli esiti della ‘campagna di ricerca archeologica’ che è stata possibile attuare a Canossa, grazie all'impegno del comitato scientifico centrale e sezionale del CAI, con il concorso del Lions Club Albinea 'L. Ariosto', del Lions Club Canossa - Val d'Enza e del Comune di Canossa, i cui importantissimi risultati aprono una nuova pagina nella storia millenaria di questo luogo storico.

La campagna di scavo è stata condotta nell’estate 2018 da una équipe di oltre 20 archeologi delle Università di Bologna e Verona che nella loro impegnativa attività di ricerca sono stati direttamente sostenuti dal comitato scientifico centrale del Cai e dal comitato scientifico sezionale del Cai Reggio Emilia, con la collaborazione del Comune di Canossa e la compartecipazione finanziaria dei Lions club Albinea Ludovico Ariosto e Canossa Val d’Enza.

Gli atti del convegno sono pubblicati a cura del Comitato Scientifico del Club Alpino Italiano.

L’appuntamento terminerà con la consegna della targa di riconoscimento del Comune di Canossa al Cai.

Il programma prevede alle 10.00 l’apertura dei lavori presso il Teatro Comunale a Ciano d’Enza, in Piazza Matilde di Canossa 2, con i saluti del sindaco Luca Bolondi, la presentazione del volume da parte del curatore Nicola Mancassola.

Seguiranno gli interventi dell’ associazione Matildica Internazionale AMI-MIA, della Soprintendenza archeologica, Belle arti e Paesaggio per la Città Metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara. Interverrà il presidente del Cai, il Comitato Scientifico Centrale del CAI, il Gruppo Generale Emilia Romagna CAI, il Lions Club Albinea ‘Ludovico Ariosto’, il Lions club Canossa – Val d’Enza, l’Università degli Studi di Verona, l’Università degli Studi di Bologna, il Provveditorato OOPP, la Direzione Regionale Musei dell’Emilia Romagna e l’Ente Parchi Emilia Centrale.

Articolo precedenteCasina, i legali di Manfreda replicano alle istituzioni
Articolo successivoElda racconta: L’appendicite

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.