Home Cronaca Casina, i legali di Manfreda replicano alle istituzioni

Casina, i legali di Manfreda replicano alle istituzioni

838
0

interdittive

“Nessuno mette in discussione il rispetto della legalità e l’importanza degli sforzi delle istituzioni in tal senso, questo è fuori dubbio come è fuori dubbio che chi confonde il fatto di ricevere un diniego all’iscrizione alla white list con l’appartenere alla criminalità organizzata non è in grado di parlare di tutela della legalità poiché la legalità si fonda appunto sulla legge e sui principi che hanno portato il legislatore a scrivere la norma in esame sulle interdittive”.

Valter Pompeo Azzolini e Paolo Colombo, avvocati dell'ex assessore di Casina, Tommaso Manfreda- intervengono dopo che le istituzioni sono scese in campo, unite, a difesa dei protocolli antimafia.

I legali ribadiscono nuovamente “in modo chiaro e univoco che l’azione promossa è a tutela dei diritti di un cittadino e non è contro la lotta alla mafia e aggiungono: abbiamo portato all’attenzione dell’autorità giudiziaria competente, con gli strumenti che la legge prevede,  e quindi nel pieno rispetto della legalità, una circostanza chiara: il protocollo di legalità in questione contrasta con la legge che limita gli effetti delle interdittive ai soli rapporti con la pubblica amministrazione e non con i privati”.

E concludono: “Non si tratta quindi di attaccare un sistema di contrasto alla criminalità, si tratta, come, prevede la legge, di tutelare i diritti privati di un cittadino, diritti tutti costituzionalmente garantiti quali il lavoro e la libertà d’impresa, nulla più”.

 

 

Articolo precedenteEleonora Grasselli, creativa dei boschi. La videointervista
Articolo successivo“Ancora a Canossa”: presentazione del volume con gli esiti della campagna di ricerca archeologica

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.