Home Cultura La mostra itinerante “Diritti Negati” al Centro Laudato Si di Bismantova

La mostra itinerante “Diritti Negati” al Centro Laudato Si di Bismantova

125
0
Diritti Negati - Foto Laura Sassi

Al Centro Laudato Si di Bismantova, sabato pomeriggio 28 gennaio 2023 alle ore 15:30, viene inaugurata la mostra itinerante “Diritti Negati” allestita a cura del Gruppo Storico Folkloristico il Melograno. Si tratta di un’esposizione di foto dell’artista Laura Sassi, elaborate in collaborazione con il  laboratorio di scrittura creativa “Dalla parola all’immagine” tenuto negli anni scorsi dalla maestra di scuola primaria, ora in pensione, Arnalda Mori a Montecchio.

Le fotografie sono abbinate a parole chiave, poesie e a brevi frasi che sono state la loro fonte di ispirazione. Il soggetto ritratto sono le mani dei partecipanti al laboratorio stesso che raccontano e comunicano conflitti, genere, muri, stereotipi, diversità, pregiudizi sessisti,  ovvero ciò che nel mondo viene negato all’universo femminile.

Quanto verrà messo a disposizione del pubblico nasce da un progetto che fu a suo tempo sostenuto dalla Regione Emilia Romagna “Nessuno ti tocchi”, al quale partecipò il Forum Donne Val D’Enza guidato dalla presidente Nanda Baldi assieme alla compianta Patrizia Pioli.

La reggiana Laura Sassi è fotografa professionista dal 1977 con all’attivo diverse mostre ed eventi. La tradizionale pellicola bianco e nero e la cura personale della stampa delle foto sono caratteri distintivi di molti dei suoi lavori.

L’evento, a cura del Gruppo Storico Folkloristico Il Melograno, è teso  a  sensibilizzare, se mai ce ne fosse bisogno, le donne e gli uomini affinché si  metta uno stop definitivo alla violenza praticata nei confronti del genere femminile.

“Il non concedere alle donne prerogative e libertà è esso stesso una forma grave di prevaricazione che deve essere eradicata senza se e senza ma. Sia nei paesi più poveri ma anche nel ricco occidente non è più tollerabile che venga limitata alle donne la possibilità di lavorare, di disporre di somme di denaro o di beni, di esprimere la propria opinione sia nella società civile ma anche addirittura all’interno della propria famiglia che costituisce spesso il luogo ove vengono perpetrate atrocità impensabili nel terzo millennio”. Queste sono le parole del presidente del sodalizio carpinetano Giovanni Stefano Ielli, attraverso le quali si percepisce la motivazione che ha spinto l’associazione a proporre la mostra “Diritti Negati”.

All’inaugurazione sarà presente l’autrice delle opere Laura Sassi e alcune delle partecipanti al laboratorio creativo in primis Nanda Baldi e Arnalda Mori.

La mostra resterà aperta il sabato e la domenica dalle ore 10 alle ore 17 sino al 26 febbraio. L’ingresso è libero.

Articolo precedenteBenzinai, Arduini (Castelnovo) sul decreto: “Una situazione assurda e ingestibile”
Articolo successivoDiga di Vetto: arriva il sì dalla Regione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.