Home Cronaca Kelly Cerialo (Usa): “La Riserva di Biosfera serve. Ecco perchè”
MAB UNESCO / L’INTERVISTA

Kelly Cerialo (Usa): “La Riserva di Biosfera serve. Ecco perchè”

583
0
La professoressa Kelly Cerialo

Rendere consapevoli e coinvolgere le persone che vivono nelle Riserve di Biosfera. Ne è convinta Kelly Cerialo copresidente della Riserva di Biosfera Champlain-Adirondack.

Ci troviamo a Nord dello Stato di New York e, singolarmente, con la Riserva di Biosfera dell’Appennino tosco-emiliano ci sono alcune significative analogie, dalla storia di questi territori segnati un tempo dallo disboscamento e ora chiamate a creare una nuova relazione tra persone e ambiente. Due esperienze nate attorno a parchi consolidati.

La Champlain-Adirondack Biosphere è stat

Uno scorcio della Riserva di Biosfera Champlain-Adirondack Biosphere (Foto Lcpb)

a istituita nel 1989, si trova a cavallo del confine tra il centro-nord di New York e il nord-ovest del Vermont e comprende il lago Champlain, il sesto lago più grande degli Stati Uniti, e l'Adirondack, le Green Mountain National Forest e Adirondack Park, una vasta area di foreste selvagge, laghi, fiumi e zone umide a un giorno di auto dalla zona più popolata d’America.

Kelly, di professione, è anche professore associato di business e ospitalità, Paul Smith's College, uno dei college privati più grandi al mondo, dove conseguano diplomi e lauree oltre 1000 studenti.

Professoressa, lei recentemente è interv

Uno scorcio della Riserva di Biosfera Champlain-Adirondack Biosphere (Foto Lcpb)

enuta a Reggio Emilia parlando del valore della Riserva di Biosfera. A suo avviso la gente di città, come gli abitanti di New York riconosce i valori del vostro operato in una delle riserve Mab più grandi e popolose degli Stati Uniti e che, come la nostra, comprende numerose piccole città e villaggi all'interno dei suoi paesaggi?

“Attualmente, le persone a New York riconoscono il valore dell'Adirondack State Park (la maggior parte non sa che è una Riserva della Biosfera dell'Unesco) come un ricco paesaggio di biodiversità con incredibili opportunità ricreative all'aperto tra cui: escursionismo, arrampicata su roccia, mountain bike, sci, e kayak”.

Di quale territorio stiamo parlando?

“L'Adirondack High Peaks è una destinazione turistica popolare per i ricreativi all'aperto che attira tra gli 8 ei 10 milioni di visitatori all'anno; si trova a un giorno di guida da 60 milioni di persone e dalle principali aree metropolitane tra cui New York City, Boston e Montreal. Qui le nostre comunità locali mirano a proteggere il variegato patrimonio naturale e culturale che caratterizza la nostra regione, compresa la fiorente flora e fauna. Recentemente sono stati lanciati programmi educativi per le attività ricreative all'aperto, comprese le politiche ‘Non lasciare traccia’ che incoraggiano chi svolge attività ricreative all'aperto a preservare e proteggere il nostro paesaggio naturale”.

Quali sono i programmi che tutelano i vostri territori e con quali finalità?

“Devo dire che sono molteplici politiche e programmi statali sono stati messi in atto per mantenere gli habitat e gli ecosistemi della fauna selvatica di Adirondack. Ad esempio, l'Adirondack Park Agency (APA) contribuisce alla protezione degli habitat ittici e della fauna selvatica attraverso programmi di regolamentazione della qualità dell'aria, della terra e dell'acqua. Inoltre, l'Adirondack Park Agency Freshwater Wetlands Act limita il drenaggio delle falde acquifere che alimentano le aree di nidificazione e il piano di sviluppo e uso del suolo privato dell'organizzazione protegge gli habitat delle specie in via di estinzione”.

Quindi ci son enti statali o della città di New York che riconoscono il maggior valore della vostra Riserva di Biosfera?

“L'Adirondack Park Agency (ente governativo), il Dipartimento per la conservazione ambientale dello Stato di New York (ente governativo), Protect the Adirondacks (ente senza scopo di lucro), il Consiglio di Adirondack (ente senza scopo di lucro), l'Ufficio regionale per il turismo sostenibile (ufficio visitatori) lavorano insieme per proteggere e conservare le risorse naturali dell'Adirondack Park. Tuttavia, poiché l'Adirondack Park è un misto di terreni di proprietà pubblica (48%) e privata (52%), i regolamenti e gli sforzi di conservazione a volte possono essere impegnativi, quindi questo insieme è chiamato ‘The Great Experiment in Conservation’”.

Quali sono le difficoltà maggiori, invece, che incontrate nella Riserva di Biosfera?

“Attualmente, la maggior parte degli oltre 400.000 cittadini che vivono nella Riserva della Biosfera di Champlain-Adirondack (Cabr) non sa di vivere in una Riserva della Biosfera o di cosa sia una Riserva della Biosfera. Questa mancanza di conoscenza della designazione della Riserva della biosfera dell'Unesco è dovuta a diverse ragioni. La designazione della Riserva della biosfera di Champlain-Adirondack nel 1989 ha incontrato una notevole resistenza da parte dei cittadini del Parco Adirondack perché erano preoccupati che la designazione Mab dell'Unesco avrebbe portato a ulteriori terre regolamenti e restrizioni sull'uso - questo ha reso la biosfera "inattiva" fino al 2016, ovviamente così non è stato. Inoltre, la maggior parte degli americani non sa che l'Unesco ha un programma di Riserva della biosfera o quale sia il valore della designazione per il patrimonio naturale e culturale”.

Tra Toscana, Emilia e Liguria si sta pensando a una nuova governance per la Riserva di Biosfera dell’Appennino tosco-emiliano. Come è la situazione da voi?

“Dal 2016, la Riserva della Biosfera di Champlain Adirondack è stata rinvigorita e rilanciata, ha un Comitato Direttivo volontario di 12 persone provenienti da New York e dal Vermont, e abbiamo una rete crescente di partner locali, regionali e internazionali tra cui la vostra Riserva della Biosfera dell'Appennino tosco-emiliano. Stiamo lavorando per aumentare la consapevolezza e le opportunità educative sulla Riserva della biosfera di Champlain Adirondack in tutta la nostra regione con incontri, presentazioni, mostre interpretative e social media”.

In conclusione quale è lo stato di salute della vostra Riserva di Biosfera?

“C'è un crescente interesse e consapevolezza nella designazione della biosfera nella nostra zona perché migliora il legame umano con la natura e protegge la ricca biodiversità nella nostra regione”.

Il legame che unisce Appennino e la Mab americana

Per celebrare il rilancio della Rete Internazionale delle Riserve della Biosfera di Montagna dell'UNESCO e l'Anno Internazionale dello Sviluppo Sostenibile della Montagna, nel 2022 la Rete della Biosfera di Champlain-Adirondack ha firmato una dichiarazione congiunta di etica ambientale per la sostenibilità della Montagna con la Riserve della Biosfera dell'Appennino tosco-emiliano, Ledro Alpi e Judicaria in Italia. Insieme queste Riserve si impegnano a migliorare la comprensione e la protezione degli ecosistemi montani di fondamentale importanza e dei mezzi di sussistenza distinti e preziosi delle comunità montane. Attuano strategie di sviluppo sostenibile per migliorare la connessione umana con la natura e quindi salvaguardare il nostro patrimonio biofisico e culturale,

Articolo precedenteFesta della Presentazione del Signore al tempio
Articolo successivoRita e Luciano: 60 anni di vita insieme

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.