Home Cronaca Frana quartiere Peep: “Auspichiamo che intervenga al più presto l’autorità giudiziaria”

Frana quartiere Peep: “Auspichiamo che intervenga al più presto l’autorità giudiziaria”

1936
2

“Come mai l’amministrazione comunale di Castelnovo non ha ancora costituito la commissione di indagine amministrativa per accertare le responsabilità a tutela dei cittadini, della stessa amministrazione e dei suoi dipendenti, come previsto dall'art. 44 della legge 18 agosto 2000 n. 267 e dall'art. 17 dello Statuto del comune?”. A chiederlo sono i presidenti dei circoli di Fratelli d' Italia di Castelnovo ne' Monti e Ventasso, Sauro Fontanesi e Elio Magliani, intervenuti dopo la frana avvenuta nel cantiere Peep.

“Non appare pleonastico tornare su quanto accaduto a Castelnovo ne’ Monti, in via Fratelli Cervi - – spiegano – dove la frana ha creato gravi problemi ai residenti con danni ad alcune abitazioni, agli impianti elettrici della strada così come a quelli idrici, stradali e fognari”.

E aggiungono: “Sappiamo benissimo che non si tratta di attività investigativa ma il non essersi attivati per capire e cercare la verità crea nocumento alla credibilità della pubblica amministrazione e dei suoi dipendenti incaricati di seguire l’ appalto”.

“Auspichiamo – concludono - che il sindaco Bini e il consiglio comunale si attivino al più presto e che intervenga l’autorità giudiziaria, che riteniamo già a conoscenza dell'accaduto, per portare chiarezza e serenità. I circoli di Fratelli d' Italia dell'Appennino sono a disposizione dei cittadini coinvolti per quanto possa essere utile”.

 

2 COMMENTS

  1. Le risposte ai quesiti posti dai presidenti dei circoli di Fratelli d’Italia di Castelnovo e Ventasso, Sauro Fontanesi ed Elio Magliani, sono state ampiamente fornite nell’ambito della seduta di Consiglio comunale di martedì sera, 14 marzo, che come entrambi sanno perfettamente è un evento pubblico al quale avrebbero potuto partecipare. Non abbiamo attivato al momento strumenti ispettivi o sanzionatori, perchè la priorità resta quella di mettere in sicurezza la strada e le abitazioni vicine al movimento di terra che si è innescato a seguito dei lavori. Ovviamente tutte le eventuali responsabilità dovranno essere individuate e i danni risarciti, ma come ho avuto modo di spiegare in Consiglio, il Comune non solo non ha responsabilità, è anzi parte lesa. Parliamo comunque di una situazione che non presenta un quadro di gravità così alto come alcuni resoconti sembrano voler trasmettere. Dovremo sicuramente verificare i passaggi di progettazione e di esecuzione dei lavori, ma al momento non abbiamo elementi tali da rivolgerci alla Procura. Se li hanno Fontanesi e Magliani possono ovviamente farlo, viste anche le competenze professionali e l’esperienza che certo non gli mancano. Noi intendiamo chiudere prima possibile l’intervento di palificazione e consolidamento e far rientrare in sicurezza e tranquillità i residenti delle quattro villette del Peep interessate dalla chiusura di via Fratelli Cervi, che ringraziamo nuovamente per la disponibilità dimostrata in questi giorni.

    Enrico Bini sindaco

    • Firma - Nessuna
    • Sig. Sindaco, e’ vero quello che scrive, ma solo in parte, poiche’ quando accadono questi eventi che potevano avere esiti anche ben peggiori (vedi un cedimento improvviso di pareti o addirittura di fondamenta delle case), vanno assolutamente messe in atto tutte le tutele (anche a posteriori), per capire le cause alla radice del problema, per poi cercare di risolvero il prima possibile ed in modo definitivo, oltre ad evitare (sulla base delle esperienze acquisite) che cio’ possa accadere nuovamente altrove. Poi ci sono ovviamente le componenti legare ad eventuali risarcimenti, se dovuti, oppure i danni si pagano sempre con le casse pubbliche, ergo pantalone?
      Cordialmente

      Enrico 1960

      • Firma - Enrico 1960