Home Società Il 3° scudetto del Napoli… a Redacon
Con la nostra caporedattrice

Il 3° scudetto del Napoli… a Redacon

302
1

Batte un po’ anche il cuore di Redacon nel terzo tricolore della Napoli calcistica. La nostra caporedattrice Monica Errico, col marito… , è infatti campana. Lei originaria di Poggioreale, lui di San Gregorio Armeno, la via dei presepi. Il marito G. F. che a Reggio vive e lavora, in gioventù era a bordo campof quando giocava lui, Maradona, e dell’indimenticato campione conserva due maglie originali. “Una esperienza indimenticabile averlo visto giocare” dice con orgoglio pensando a quei tempi in cui non si perdeva una partita della squadra neocampione.

“Il legame con Maradona? – risponde Monica Errico -. Abbiamo vinto con lui il primo scudetto, è un mito immortale che ha dato tanto alla città, sapeva stare tra  e con i tifosi; è vero che ha avuto, purtroppo, una vita caratterizzata da eccessi, ma i tifosi hanno sempre ammirato il campione”.

Nei giorni scorsi, per un poco di meritato riposo, Monica e il marito si trovavano proprio a Napoli e hanno deliziato la redazione con le immagini di San Gregorio Armeno, ma anche con i colori della squadra che avevano già invaso le strade.

“Una città tutta azzurra, non solo San Gregorio Armeno – spiega la nostra caporedattrice - Questo scudetto lo aspettavamo da anni e la giornata di ieri sera, col pareggio a Udine e il titolo matematicamente vinto, è stata da brividi”.

Ieri a casa loro – dove il frigo è tappezzato di calamite del Napoli ed è stata esposta parte della collezione del marito delle maglie della squadra - c’è stato un piccolo raduno di famiglia e amici per assistere alla gara di Udine che, col pareggio di 1 a 1, ha consacrato matematicamente il Napoli campione d’Italia.

Come è andata?

Ieri lui ha guardato la partita con grandissimo coinvolgimento emotivo, al punto di restare senza parole, per la prima volta. Scenderà entro il 4 per festeggiare, con famigliari, amici, con le bandiere in strada e allo stadio Maradona. ‘Mi dispiace non essere lì adesso", ha detto pensando ai tanti amici giù.

Alcuni aneddoti?

Beh, il suo cellulare ieri ‘scoppiava’: ‘Ce la abbiamo fatta’, “ci abbiamo creduto”, “campioni”. Chi era in piazza ha mandato le foto con maglie, bandiere, chi i video. In queste settimane abbiamo visto impazzare sui social striscioni come quello davanti a un cimitero ‘Guardate cosa vi siete persi’. Davanti al carcere di Poggioreale la freccia per l’Allianz Stadium con… ‘entrate qui’.

Come mai a Napoli si sente così calore attorno al calcio?

Sicuramente è dovuto al nostro modo di essere; viviamo gli avvenimenti della città con 'il cuore'. Per il calcio è così da sempre, nel bene e nel male. Sia quando si vince, che quando si perde che si sostiene di più la squadra; Napoli non è solo quello che viene raccontato. E’ una città viva, colorata: il suo popolo vive di sentimenti.

Intanto, ieri, al triplice fischio finale tra le vie della città imperversava la festa, proseguita sino a mattina: sembra capodanno. I fuochi artificiali, in teoria, erano proibiti. La festa no.

Articolo precedenteGuardia medica straordinaria a Castellarano e Baiso 
Articolo successivoUn libro per raccontare La Vecchia e La Bettola

1 commento

  1. La scritta antijuve nel loro carcere e’ la prova del loro provincialismo incurabile e della loro assenza di sportivita’. Per fortuna ne vincono 1 ogni 33 anni.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.