Home Cronaca Casina onora la memoria di Don Nando Barozzi

Casina onora la memoria di Don Nando Barozzi

826
0
Via don Nando Barozzi

Un'importante strada di Casina ha ricevuto un nuovo nome che porta con sé un significato profondo e una memoria da preservare. Da ieri,5 agosto, una via nel cuore del paese è stata intitolata a don Nando Barozzi, uno dei preti più amati e rispettati della montagna reggiana. La cerimonia di intitolazione, che si è svolta accanto al santuario del Carrobbio, ha visto la partecipazione di un centinaio di persone, compresi parenti, amici, e membri della comunità locale.

Don Nando Barozzi è stato una figura di grande rilevanza nella storia di Casina, e la sua eredità continua a vivere attraverso le opere sociali e il suo impegno a favore del bene comune. Per ben 51 anni, ha guidato la parrocchia di Casina con dedizione e passione, lasciando un segno indelebile nella vita dei cittadini. Il suo coraggio, l'altruismo e la generosità lo hanno reso un punto di riferimento fondamentale per la comunità, soprattutto durante momenti critici della storia.

La sua influenza è stata particolarmente evidente durante la Resistenza, quando si è distinto come un autentico costruttore di pace. Don Nando ha lavorato instancabilmente per promuovere l'armonia e la collaborazione tra le persone, contribuendo a consolidare un tessuto politico e sociale autenticamente democratico. Nei decenni successivi, ha continuato a sostenere l'importanza del dialogo e della comprensione reciproca, incanalando il suo impegno sia a livello locale che internazionale.

Un aspetto notevole della sua eredità è la lunga trattativa che ha portato al trasferimento e alla donazione della storica proprietà del Castello di Sarzano alla comunità e al Comune. Questo atto di generosità testimonia la sua dedizione a garantire il benessere di tutti i cittadini, mettendo al primo posto l'interesse collettivo.

Don Nando Barozzi non è stato solo un religioso rispettato, ma anche un vero e proprio punto di riferimento per il progresso sociale e culturale di Casina. La fondazione "Villa Maria onlus" rappresenta un esempio tangibile del suo impegno a favore degli anziani e delle persone bisognose, fornendo loro un luogo di accoglienza e assistenza.

Nazzareno Gregori (ex direttore generale Credem) Fabio Filippi (ex consigliere regionale), il sindaco di Casina Stefano Costi, Tiziano Filippi (detto il Chierico) e Fiorini Gianna (ex tecnico comunale di Casina)

La scelta di intitolare una strada a don Nando è stata guidata dalla volontà di onorare la sua memoria e il suo impegno costante per la comunità. Gli ex chierichetti, tra cui Nazzareno Gregori, Fabio Filippi e Giovanna Caroli, hanno promosso l'iniziativa con l'obiettivo di mantenere vivo il ricordo di questa figura straordinaria che ha influenzato positivamente la vita di così tante persone.

Durante la cerimonia di intitolazione, il parroco attuale, don Carlo Castellini, ha espresso il suo rispetto e ammirazione per il lavoro svolto da don Nando. Accanto al sindaco Stefano Costi e alla giunta comunale, la comunità ha reso omaggio a un uomo che ha incarnato l'essenza del servizio disinteressato e dell'amore per il prossimo.