Home Diocesi ne' Monti Minozzo ha accolto don Evandro

Minozzo ha accolto don Evandro

688
0

La Pieve di Minozzo, nel comune di Villa Minozzo, è una chiesa particolarmente bella, ma in occasione dell’insediamento del nuovo parroco dell’unità pastorale “ Madonna delle Fonti”, nel pomeriggio di sabato 21 ottobre, è apparsa splendida.

Don Evandro Gherardi, nuovo parroco in solidum e moderatore dell’unità pastorale numero 58, ha fatto il suo ingresso ufficiale nella nuova realtà pastorale affidatagli dal vescovo Giacomo Morandi con una concelebrazione eucaristica particolarmente intensa e festosa, in una chiesa sontuosamente addobbata, circondato da confratelli, autorità, famigliari, tanti amici e tanti fedeli “vecchi” e “nuovi”. Un grande e caloroso abbraccio che ha coinvolto tutti i presenti ed emozionato don Evandro.

L’unità pastorale “ Madonna delle Fonti” comprende otto parrocchie: Villa Minozzo, Carniana, Carù, Cerré Sologno, Coriano-Tapignola, Minozzo, Poiano e Sologno.

Strette tra il monte Prampa, il fiume Secchia e il torrente Secchiello, esse corrispondono a una ampia porzione del Comune di Villa Minozzo, territorio caratterizzato da tante piccole comunità, sempre in lotta con lo spopolamento ma ancora vitali e vivaci.

Don Evandro condividerà la responsabilità pastorale di queste comunità d’Appennino con don Fernando Imovilli e don Giancarlo Denti (parroci in solidum non moderatori) e, a differenza di don Fernando e don Giancarlo che continueranno ad abitare nella canonica di Villa Minozzo, abiterà nella canonica di Minozzo che riapre (stabilmente) i battenti dopo molti anni e dopo qualche doveroso ritocco.

La celebrazione eucaristica di ingresso, presieduta nella sua prima parte dall’Arcivescovo monsignor Giacomo Morandi, ha visto il coinvolgimento di rappresentanti di tutte le parrocchie dell’unità pastorale “ Madonna delle Fonti” che hanno mobilitato bambini, famiglie, anziani, realtà associative, cori e personalità del territorio (a dare il benvenuto al nuovo parroco anche il villaminozzese Giuliano Razzoli).

In prima fila i quattro sindaci di Villa Minozzo, Toano, Bibbiano e Ventasso; alle loro spalle il Patron della Reggiana.

Oltre ai novelli parrocchiani di don Evandro, gremivano la chiesa anche tanti di coloro che, per i suoi passati incarichi diocesani, hanno avuto moto di conoscerlo ed apprezzarlo.

Grande festa, insomma, nel comune di Villa Minozzo per un nuovo parroco che, nato a Cavriago nel 1955 e ordinato sacerdote nel 1998, ha già svolto il suo servizio pastorale sia in città (parrocchia di Gesù Buon Pastore) che in svariate parrocchie della pianura (Fosdondo, Canolo, Brescello, Lentigione, Boretto…).

Gli mancava la montagna.

Vero che don Evandro ha all’attivo anche alcuni mesi di cura pastorale della Valle ramisetana, ma adesso si fa sul serio.

I tanti accorsi per il suo “insediamento” sono la testimonianza della stima riposta in don Evandro ma anche un forte ringraziamento a Dio per la presenza sacerdotale (che continua) nelle nostre terre d’Appennino.

Nazzarena Milani

(La Libertà, nr.37 - 1 novembre 2023)