Home Sport Borelli, un secondo posto che vale il titolo

Borelli, un secondo posto che vale il titolo

149
0

Daniele Borelli si è aggiudicato domenica scorsa il Trofeo Olympia.

Il pilota di Baiso che corre sotto le ‘insegne’ della Collecchio Corse infatti, si è portato a casa il titolo domenica scorsa a Pomposa, a suggello di una stagione da incorniciare, suggellata da un’interminabile serie di podi.

Per il portacolori della compagine parmense è arrivata, infatti una seconda piazza, maturata con tanto sudore e fatica.

Ad arricchire ulteriormente il bottino il quindicesimo posto nella classifica finale assoluta.

Daniele Borelli in azione (foto Manuel Evo)

È andata molto bene a Pomposa – racconta Borelli – ma possiamo dire che questo 2023 è stato il nostro migliore anno di sempre, avendo portato a casa soltanto podi ed avendo vinto, con una gara in anticipo, il Trofeo Olympia. Dopo un 2022 complicato, dove abbiamo patito tanto l'affidabilità del mezzo, siamo arrivati a mettere insieme un'annata incredibile”

“A Pomposa abbiamo confermato quanto di buono abbiamo fatto nel corso del campionato, nonostante un problema alla scatola dello sterzo che ci ha fatto penare nella terza manche – prosegue il driver di Baiso -. Un grosso ringraziamento se lo merita Alessandro Lanzi, prontissimo il suo intervento per risolvere il guasto, senza mai dimenticare Collecchio Corse e tutti i partners che ci hanno affiancato.”

Atteso alla vigilia, quale candidato per il sorpasso in Rally 2000, Alessandro Lanzi ha dovuto dare forfait nel round di Pomposa, complicandosi la vita nella serie ma mantenendo comunque intatta la possibilità di puntare ad un difficile sorpasso, a metà Novembre, a Montegibbio.

Purtroppo abbiamo dovuto rinunciare alla partecipazione all'ultimo minuto – racconta – ed è stato un peccato perché eravamo secondi in campionato, a soli due punti e mezzo dal primo. Vedremo cosa fare per Montegibbio ma non sarà semplice portare a casa il titolo. Sono felice per il nostro compagno di team Borelli, ha vissuto un 2023 perfetto e la vittoria nell'Olympia è la giusta ciliegina sulla torta. Sono contento di averlo aiutato qui a Pomposa.”