Home Cronaca Rita Migliaccio (Futuro Comune): “Preoccupazione per la riduzione dei servizi medici”

Rita Migliaccio (Futuro Comune): “Preoccupazione per la riduzione dei servizi medici”

662
0

Rita Migliaccio (Futuro Comune): “Preoccupazione per la riduzione dei servizi medici"

“La comunità di Carpineti deve affrontare la riduzione di importanti servizi medici”. Ad affermarlo è Rita Migliaccio, consigliera comunale di Futuro Comune.

“Si diffonde – afferma in una nota - in paese preoccupazione sulla durata di questa situazione e sui tempi di ritorno alla normalità. Stanno infatti per iniziare i lavori di ristrutturazione degli ambienti del poliambulatorio AUSL di Carpineti e una diretta conseguenza sarà lo spostamento dell’ambulatorio pediatrico in altra sede”.

Migliaccio spiega che “da uno stringato annuncio di AUSL e del Sindaco, si viene a sapere che fra pochi giorni per accedere a prestazioni pediatriche i bambini di Carpineti dovranno essere portati a Casina. Questi cambiamenti non saranno indolori vista l’utenza fragile che usufruisce di questi servizi tanto più che il trasporto pubblico verso Casina non è certo facile per chi non ha auto propria o per le madri che non guidano. Questo disagio si sarebbe potuto evitare trovando una soluzione alternativa temporanea per mantenere in paese l’ambulatorio pediatrico. Ci auguriamo che i tempi di cantiere siano contenuti al minimo necessario e che, ultimati i lavori, si proceda ad un rapido rientro nella sede appropriata degli ambulatori trasferiti”.

E rincara: “I problemi dovuto al trasferimento dell'ambulatorio pediatrico si sommano alla sospensione del Consultorio ginecologico, che non è mai stato riaperto dopo la chiusura nel periodo Covid. Inoltre non sarebbe inutile aprire una riflessione sulla mancata sostituzione del terzo medico di famiglia, necessario a rispondere alle esigenze previste dal numero di assistiti carpinetani, numero che ora sovraccarica le forze dei due unici medici di famiglia presenti in servizio a Carpineti con prolungamento dei tempi di attesa di visita. Questa situazione ha anche provocato una diaspora di utenti di zone carpinetane di confine verso i medici di Casina, Felina e Cavola. Infine, è importante sottolineare come sia necessario trovare una soluzione alla chiusura dell'ambulatorio a Valestra, che provoca disagi per la popolazione della frazione”.

Migliaccio conclude affermando che “il tema della salute dovrà essere uno dei pilastri dell'azione amministrativa del prossimo sindaco del paese. Borghi e la sua giunta hanno deluso. Non sapendo rispondere alle esigenze dei cittadini carpinetani hanno dimostrato quanto è necessaria una discontinuità nell'amministrazione del Comune”.