Home Cronaca Mente e cuore in movimento a Savognatica di Carpineti

Mente e cuore in movimento a Savognatica di Carpineti

503
0

Mente e cuore in movimento a Savognatica di Carpineti

È possibile imparare la ginnastica per la mente e allenare la memoria per le strade di un paese?

Domenica 5 maggio, nel piccolo borgo medievale di Savognatica, Roberto Mercati, esperto in tecniche di apprendimento, ci condurrà in un interessante e utile percorso tra piazzette, giardini e antiche vie matildiche per apprendere l'arte della memoria.

L'attività che propone nella mattinata è quella da lui ideata del "Turismo Attento", un modo di fare turismo che permette di ricordare piacevolmente con mente, cuore e sensi tutto ciò che viene visto e vissuto.

Tecniche antiche, come quella del "palazzo della memoria", e quelle più moderne di interazione creativa con l'ambiente o dei "fulcri multisensoriali", consentono una immediata e vivida memorizzazione di tutto ciò che interessa ricordare. Da questa esperienza si porta a casa un ricco bagaglio fatto soprattutto di emozioni, atmosfere e suggestioni.

Savognatica, sede ogni anno della bellissima festa d'agosto di beneficienza del G.A.O.M. (Gruppo Amici Ospedali Missionari), disvela tutta la sua piccola grande ricchezza in fatto di storia, architettura, botanica e tradizione. Il paese, posto ai piedi della importante e affascinante rocca del Castello di Carpineti, è attraversato dalla Via Matildica del Volto Santo, che da Mantova conduce a Lucca in uno spettacolare e ricchissimo itinerario a tappe.

Nel pomeriggio la giornata prosegue sotto la guida di David Valentinetti che proporrà un modo particolare e molto efficace per imparare a connettersi col mondo e con gli altri attraverso il movimento corporeo della Biodanza, un'attività che trova le sue origini presso il cileno Rolando Toro, poeta, filosofo e psicoterapeuta. La Biodanza consiste in un insieme di "esercizi-danza" che hanno la finalità di far ritrovare il movimento vitale, movimento pieno di senso, carico di emozione, per una maggiore integrazione tra la motricità (il fare) e la percezione (il sentire).

Tali gesti e movimenti, secondo quanto dice Nicola Poinelli del Coordinamento Biodanza Brescia, vengono stimolati e potenziati da musiche accuratamente scelte, trasformandosi in danze, intese nel senso originario del termine: danza come movimento emozionato denso di significato.

Per informazioni ed iscrizioni contattare tramite whatsapp Roberto Mercati (328 4115683) e David Valentinetti (340 7942692).