Home Cultura Elda racconta: Rut

Elda racconta: Rut

202
0

Questa storia è uno dei gioielli contenuti nella Bibbia, forse avrei dovuto parlarvene prima, ma vedete se leggete la Bibbia con attenzione capirete che le storie sono raccontate su e giù (forse è solo un’impressione mia) non è un racconto continuo, perciò trovi dopo ciò che (a mio avviso andava messo prima).

Io poi, che prima di scrivere consulto tre bibbie, vi potete immaginare la confusione, abbiate pazienza. Spero di sapervela raccontare nel modo migliore.

Al tempo in cui governavano i Giudici ci fu una grande carestia e un uomo di Betlemme appartenente alla famiglia di Giuda, emigrò nelle campagne di Maobab con la moglie e i suoi due figli.

Lui si chiamava Elimelech, la moglie Noemi e i suoi due figli, Macon e Chilion.

Dopo un po’ questo Elimelech morì e Noemi restò con questi due figli che crebbero e sposarono donne del posto, una si chiamava Orpa e l’altra Rut.

Dopo una decina d’anni anche loro restarono vedove (anche ora esistono più vedove che vedovi) così Noemi restò senza marito e senza figli.

Allora decise di andarsene da lì e tornare nel paese di Giuda, aveva sentito dire che il Signore aveva visitato quel popolo donando loro il pane.

Noemi prima di intraprendere il viaggio parlò alle sue spose:

“Tornate dalle vostre madri, in modo che possiate rimaritarvi, prego Dio che vi conceda questo” (Capito suocere?)

Le baciò, ma loro dissero:

“No, noi verremo con te dal tuo popolo”.

“Figlie mie tornate indietro, io non ho altri figli da farli maritare con voi, sono vecchia e non ne avrò altri”.

“No figlie mie io sono troppo infelice per potervi aiutare, perché la mano del Signore è tesa contro di me”.

Allora Orpa baciò la suocera e partì, ma Rut non si staccò da lei, non la lasciò sola al suo destino:

“Ovunque tu andrai io sarò al tuo fianco, il tuo Dio sarà il mio Dio”.

Quando Noemi la vide così decisa, la prese con se.

Arrivarono a Betlemme proprio in quel periodo che si cominciava a mietere l’orzo.

Tutti riconobbero Noemi, ma lei diceva:

“Non chiamatemi così, ma Mara, perché l’Onnipotente mi ha amareggiato”.

In quel paese Noemi aveva un parente di suo marito che si chiamava Booz, egli era molto potente padrone di schiavi e terre. Rut la Moabita (così veniva chiamata la nuora di questa) chiese il permesso a Noemi di poter andare a spigolare nei campi dove stavano mietendo l’orzo.

Si trovò proprio nella proprietà di Booz, questi la vide chiese informazioni, la lasciò lavorare, ordinando ai servi di non importunarla e la sera la ricompensò con sei misure d’orzo e le disse di continuare a farlo nei giorni successivi.

Quando ci fu la festa del raccolto la suocera disse a Rut:

“Avvolgiti nel tuo manto, profumati, scendi nell’aia, ma non farti riconoscere da lui, quando questi andrà a dormire ti coricherai ai suoi piedi”.

Così fece e quando lui si svegliò le chiese:

“Ma tu chi sei!”

“Sono la tua serva, stendi il tuo mantello su di me, perché tu ai diritto al mio riscatto”.

Lui rispose:

“Sii benedetta figlia mia, perché non sei andata in cerca di uomini giovani, ricchi o poveri che fossero, vedi io sono tuo parente, ma ce né un altro che è più prossimo di me, passa pure la notte qui da me, ma domattina se lui ti vorrà sposare ha il diritto su di te, ma se lui non lo farà ti sposerò io”.

Lei passò la notte ai suoi piedi. La mattina presto Booz si alzò e ordinò ai suoi servi che nessuno doveva sapere che Rut aveva passato la notte lì, poi le donò sei misure d’orzo.

Il mattino davanti a tutti gli anziani, chiese all’altro parente se voleva comprare il terreno che era appartenuto al marito di Noemi e con questi anche Rut la vedova di uno dei suoi figli.

Questo parente davanti a tutto il popolo rifiutò, ed egli disse che Rut sarebbe diventata sua moglie e tutto il popolo ne era testimone.

Così Booz si unì a Rut e Dio concesse loro un figlio.

Le donne dicevano a Noemi:

“Benedetto il Signore che ha dato un figlio a tua nuora, lei ti ama e vale più di sette figli”.

Noemi prese il bimbo nel suo grembo, per mostrarlo e le donne dicevano lo cura come se fosse suo figlio e lei lo chiamò Obed.

Così dopo molte generazioni, da questa famiglia arrivò David, di questo ve ne ho già parlato e la prossima volta, continuerò con lui.

(Elda Zannini)

IN DIALETTO

Sta storia l’è cumi un giuiell dentre a la Bibbia.

Al temp che in Israele a cmandèva ancòra i gieùdse a gh’era arivà na gran carestèa e un om ed Betlemme ca gniva dàla famèa ed Giuda, l’era emigrà in t’al campagni ed Maobab, cun la muiera e deù fieò.

Leù as ciamèva Elimelech, la muiera Noemi e i deù fieò, Macon e Chilion.

Dop un po’ ste Elimelech l’era mòrt e sta Noemi l’era rmasa sula cui deù ragasèt, chi po’ ièn chersù e iàan spusà deù dòni dal post.

Eùna ed quèsti l’as ciameva Orpa e cl’atra Rut.

Dop circa des ann armagnivne vedve anca lur, achsè Noemi l’era rmasa sensa marì e sensa fieò.

Alura l’ha decìs d’arturnàr al paès ed Giuda, da dòva l’era arivada, anch perché l’aiva sentì dir chi l’è as pudiva guadagnar al pan.

Prèma ed partir, però l’ha parlà al seò spusi:

“Arturnè dal vostri madri, in mod chi pudrì artruvàar eùn marì e i pregh Nostre Sgnur c’av cuncèda quest”.

Po’ agl’ià basadi teùti deù. Ma lur agl’ian rispost.

“No, nuatre iàn gnirèma cun te”.

Beli al mi fieòli arturnè indrè, me in g’ho mèa ed iatre fieò da favia spusàr e in ghe n’arò peò perché i sun vècia, po’ iaì vest chi la man ed Nostre Sgnur la s’è mèsa cuntra ed me”.

Alura Orpa la l’ha basada e l’è partida, ma Rut l’an l’ha mèa lasàda al su destin:

“Andòva i t’andrè te, me i srò sempre cun te”.

Al glién arivadi a Betlemme propi in cul periodo chi cumincèvne a medre l’orz.

Teùc iarcgnusivne Noemi e i vrivne savèr chi l’èra la ragàsa clà stèva cun lè.

In cul paès l’è a ghè steva un parent dal marì ed Noemi c’as ciamèva Booz, leù l’era eùn sgnurùn, padrùn dna meùcia ed tèra e na meùcia da schiàv.

Rut la Moabita(achsè i la ciamèvne in cul pòst lé)la dmndà a Noemi al permess d’andar a spiglàr l’orz andòa ièrne dre medre.

La s’è truvada propi in tla pruprietà ed Booz, leu a l’ha vèsta e al s’è infurmà a vriva savèr chi l’era, po’ l’ha urdnà ai servitùr d’an ghe dar mèa fastèdi, a la sira l’è stada pagada cun se mseùri d’orz e al ghà dètt cla pudiva arturnar ch’iatre dè.

Quand po’ iàn fàt la festa dlà fin dal racòlt la suocera l’ha dètt a Rut:

“vestéste cul tu mantèll, prufòmte e va intl’ara, ma an te far mèa arcgnòsre da leù, po’ quand l’andarà a durmir te asachte ai pè dal lett.

Achsè Rut l’ha fàt Cuma a ghà insignà la suocera.

Quand ste sgnur al s’è desdurmì l’ha dett:

“Ma te chi et”.

“I sun la tu serva, stend al tu mantel suvra ed me, perché te it ghe dirètt a riscatàm”.

“Ma benedeta la mi fiòla, perché an et méa andada a sercar un om zòvne sgur u puvrètt, vedte me i sun tu parent, ma agh né eun c’al te parent peù da vsin e al gh’à al dirit prema chi me. Si lu po’ an li fa mèa alura i la farò me intant arpunste chè.

Po’ la matina prest Booz l’è sta seù da lètt e l’ha urdna ai servitùr d’an parlàr mèa da ste cosa, po’ al gh’à anch regalà se mseùri d’orz e a l’ha rmandada a cà quand la genta la durmiva ancòra.

Clà matina lè po’ davanti a teùcc iansiàn l’ha dmandà a cl’atre parènt sa vriva cumprar i camp ch’iérne sta dal marì ed Noemi, ma insèm ai camp anch Rut la vedva d’eùn di seò fieò.

Ste parent al s’è rifieùtà, alura davanti a teùta la genta Booz l’ha det che Rut la sre dventada su muiera, e teùt al pòple a n’era testimoni.

Acsè Booz al s’è unì a Rut e Dio al ghà mandà un fieòl.

Teùti al dòni adsivne a Noemi:

“Benedètt Déo cl’ha dà un ragasèt a tu nòra le l’at vòl bèn e quest l’è cul ben che, al vàl peò ed sett fieò.

Noemi l’ha tot in bràsa al ragasèt e a li fèva vedre a teùcc e a l’ha ciamà Obed.

Acsè dop a tanti generasiùn da ste famèa l’è arivà David e ed quest iv la cuntarò statra vòlta.

(Elda Zannini)