“Vorrei”, poesia di Alberto Bottazzi

Vorrei Vorrei avere gli occhi di ieri, il coraggio di prima, vorrei ritrovare i miei passi sereni, la bellezza della luce del sole. Vorrei dormire sonni tranquilli, come un neonato nel lettino, con i sonaglini del “non so nulla” attaccati […]

“Domani è Natale” di Alberto Bottazzi

Domani è Natale “Quando verrà il giorno di Natale saremo tutti più buoni dietro un paravento di genuinità, ma non basterà a salvare il mondo! Non basteranno le tante promesse a cambiarci la vita per la salute del pianeta Terra, […]

Non oso pensarci, racconto di Alberto Bottazzi

La cicogna in volo: “Mi sa che sto invecchiando, diventando rimbambita! Vero che gli anni passano per tutti, ma non trovo più la culla dove lasciare il bambino. Eppure la rotta è sempre stata questa, venendo da sud dell’Appennino reggiano, […]

“Chioma di ghiaccio”, racconto di Alberto Bottazzi

Chioma di ghiaccio, cent’anni di gloria! Quanto tempo per irrobustire le tue giovani braccia nude, per vestire il tuo capo spoglio… con noi giovani capelloni degli anni settanta condividevi l’aspetto di vera rivoluzionaria. Amica verdissima di estati lontane, vessillo della memoria […]

“La borsetta” (racconto di Alberto Bottazzi)

Tra le pagine spiegazzate ed ingiallite degli anni sessanta intravvedo, con grande stupore, la borsetta tanto desiderata da mia madre. In quel tempo costumava fare acquisti per corrispondenza, principalmente con il catalogo Postal Market, anche perché i negozi erano lontani […]

Aspettami (poesia in ricordo di Oriano Tini di Alberto Bottazzi)

Aspettami “Aspettami amico carissimo d’infanzia, non andartene da solo, scopriamo insieme l’ultimo viaggio, teniamoci per mano nelle vie del Cosmo, come facevamo da bambini nel girotondo dell’innocenza intorno alla grande “Faggia” del paese. Aspettami, anch’io mi sono messo in viaggio […]

La borsetta, racconto di Alberto Bottazzi

Tra le pagine spiegazzate ed ingiallite degli anni sessanta intravvedo, con grande stupore, la borsetta tanto desiderata da mia madre. In quel tempo costumava fare acquisti per corrispondenza, principalmente con il catalogo Postal Market, anche perché i negozi erano lontani […]

“L’irreparabile” (poesia di Alberto Bottazzi)

Notte di luna crescente ad alta quota: silenziosa, bastarda, impenetrabile, tra ombre di monti giganti e secolari faggi. Notte d’ansia, sconforto, scoramento, per un paese che aspetta trepidante di rivedere al proprio focolare un volto tanto caro. Ore di speranza […]

“Voglia di Vaglie” (poesia di Alberto Bottazzi)

Voglia di Vaglie “Voglia di Vaglie”, bisbiglia il figliol prodigo festante al pensier di tornar al natio paese dalla città lontana. Voglia di casa, dopo aver attraversato emozioni e frustrazioni in cerca di fortuna, fra tanti sacrifici, molte apprensioni e […]

Vendesi (poesia di Alberto Bottazzi)

Vendesi Lungo la vecchia via del borgo incespico sul tuo nome, quella casa chiusa ferisce l’anima come una freccia appuntita nel fianco. Scalpitano i fantasmi del passato, fremono i ricordi, stringono la gola spietati, irriverenti, flagellando la mente come frustate […]

Il faro, la croce e la big bench sul monte di Ligonchio (racconto di Alberto Bottazzi)

“Caro vecchio faro hai visto la nuova arrivata? Non ti sembra un po’ ingombrante? A me pare anche maleducata… non si è neanche presentata!”. “Ma vedi, cara Croce benedetta, qui c’è posto anche per lei e poi un tocco di […]

“Un bypass per attraversare l’estate” (racconto di Alberto Bottazzi)

180 metri di baratro terrificante, quasi il dislivello della condotta forzata di Tarlanda verso le turbine della centrale idroelettrica di Ligonchio. 180 metri di buio profondo e sconsolante che inghiotte non solo la strada sovrastante, ma ingurgita gli umori e […]

“Amore soltanto amore” (racconto di Alberto Bottazzi)

Amore soltanto amore Rughe profonde solcavano il viso del vecchio nonno Abramo, come torrenti che scavano la roccia, come aratro che dissoda la terra, rughe di sacrifici, privazioni, rughe di sudore, figlie dei sassi, della zappa e del piccone. Terra […]

“Vaglie, 26 maggio 2020” (racconto di Alberto Bottazzi)

  “Mamma, ci sono due umani sul sentiero del bosco…” cinguetta impaurito il fringuello dal ramo più alto del castagno. “Saranno pericolosi per la nostra salute? C’è da fidarsi o dobbiamo volare via da qua?” “Li riconosco, stai tranquillo… sono […]

“La Fontana do Skudlin” (racconto di Alberto Bottazzi)

Se vai sul web e digiti Ligonchio, la ricerca ti porta a visitare la Fontana dello Scodellino, in lingua ligonchiese “La Fontana do Skudlin”, situata in bella vista sulla SP 18, alle porte dell’abitato per chi arriva dalla pianura. Acqua […]

“La neve del 15 aprile 2021” (poesia di Alberto Bottazzi)

La primavera: “Ho gli alberi da frutto in fiore, l’ape che sugge il nettare, le margheritine allegre nei campi, non puoi riapparire sul palcoscenico del mio mese a far danni…!” L’inverno: “Come il tasso va in letargo, questa la mia […]

“Un borgo piccolo, piccolo che sta nel palmo di una mano” (racconto di Alberto Bottazzi)

Piccolo borgo che hai resistito alla triste transumanza della tua gente, la mia anima è innamorata di te, della tua storia, dei tuoi sapori, del tuo orgoglio di esserci. Per te ho tessuto un manto di parole povere, ma sincere, […]

Il dizionario “L’ardzigoogle” di Sandra Bacci (recensione di Alberto Bottazzi)

Riceviamo e pubblichiamo Il vento del Monte della Croce, curvo sotto  l’eternità del tempo, soffia gagliardo, tra i camini del paese, la storia della lingua ligonchiese dei nostri avi, una sorta d’eco di voci smarrite che ora trovano rifugio nelle […]

“Alla mia sposa” (poesia di Alberto Bottazzi)

  Passo dopo passo, con aria invaghita, la tua figura mi segue nei meandri della vita. Il tempo corre, ma non mi offende, serena è l’alba fino al tramonto, la nostra avventura si riflette gaia nei personaggi di un bel […]

“Il tempo delle more” (racconto di Alberto Bottazzi)

Un campo a ridosso del paese, non troppo vicino alle case, ma nemmeno troppo distante, dove ora fioriscono, tra l’erba e i cespugli di more, ricordi lontanissimi che attanagliano il cuore. Ritorna presente, come calpestato il giorno prima, quel campo […]

Identità perduta (poesia di Alberto Bottazzi)

I fili del tempo si piegano tutti nella stessa direzione, quella mai persa della speranza, come l’erba soffiata dal vento. La collina della vita, vista da qui, occupa tutto il mio sguardo… mentre l’occhio sbatte forte le ciglia alla ricerca […]

Ritorno come rondine al nido (racconto di Alberto Bottazzi)

Paese vuoto, pieno di sogni. La giovinezza scorreva disorientata, disordinata, febbrile. Paese colmo di speranze, progetti, miraggi, zeppo fino all’orlo di bambini scanzonati che correvano allegramente nei prati. Paese di sassi, boschi, gente orgogliosa e perbene. La vita dei diciott’anni […]

“Amore materno ed orgoglio ferito” (racconto di Alberto Bottazzi)

Accanto a me mia madre, pensierosa, afflitta da come si era concluso il mio anno scolastico di terza media. Quell’anno fui bocciato irrimediabilmente, dopo essere stato rimandato a settembre in due materie: matematica ed inglese. Ero profondamente angosciato per averla […]

“Desiderio in trappola” (poesia di Alberto Bottazzi”

S’attarda la colomba nel suo volo, ha perso l’orientamento, non trova più l’allegrezza di primavera che tanto bramava, i sorrisi smaglianti, gli animi sereni e gli abbracci di sempre, quei favolosi tumulti di vita che tanto riscaldavano il cuore. Il […]

“Cecco, il pastore delle nuvole” (racconto di Alberto Bottazzi)

Dopo un lungo viaggio, per altro sereno, come gli avevano augurato i suoi paesani, Cecco si risvegliò in cielo su una nuvola. Guardandosi intorno si rese subito conto che qualcosa d’insolito l’aveva colpito. Il panorama non era quello di sempre, […]

“Un bicchiere di parole” (racconto di Alberto Bottazzi)

Un bicchiere di parole Nell’atmosfera ovattata della sera si accendono le luci gialle dei lampioni ad illuminare il nulla. Le vie sono deserte, quattro automobili parcheggiate a lato della piazzetta, ricordano al calendario che il paese è fermo in attesa […]

“1962” (racconto di Alberto Bottazzi)

M’inghiotte il tempo… sento ancora la porta del pollaio che sbatte… la tramontana che fischia le note allegre di un motivo anni sessanta. Vedo nel mio lontanissimo giovane orizzonte un tabarro, un mantello che avvolge il corpo di un uomo […]

“L’orologio dei ricordi” (poesia di Alberto Bottazzi)

L’orologio scandisce il tempo che fugge, ticchettano le lancette il nostro presente, tutto finisce oggi e tutto ricomincia domani, nel vortice furibondo e meraviglioso della vita. Vorrei rinascere nella casetta delle due stanze, sotto la stella cometa, sopra la culla […]

“Padre” (poesia di Alberto Bottazzi)

Padre Padre che dormi l’infinito il tuo volto, profilo di roccia, rimarrà per me e per sempre, esempio del tuo grande cuore. Quanto amore hai profuso, quante parole nella polvere, quanti buoni consigli al vento per un figlio ribelle quale […]

“I ricordi sono la tua bellezza” (poesia di Alberto Bottazzi)

Materna terra ferita, lacerata, abbandonata, aspra di pietre, incanto dei miei occhi lucidi di ritorno che non vogliono vedere quel che sei, ma quel che eri. Cingo il tuo capo di alloro di memoria, vado per la via cantando inni […]

Powered by WordPress | Officina48