Cicogne: “Il Ministero faccia un’indagine ispettiva su Regione e Asl: strumentalizzati i dati”

Incontro affollato di cittadini quello promosso dal comitato. Tutti concordi nel chiedere la rivalutazione del vecchio parere ministeriale e la moratoria immediata alla chiusura dei punti nascita con riapertura nel pieno rispetto degli standard di sicurezza. Sorpresa: i 500 parti anno “non sono un dato scientifico”, affermò il presidente della Società italiana pediatria. Anche il ministro Grillo apre alla revisione dell’accordo Stato-Regioni del 2010

La rivolta delle aree disagiate: nasce un movimento italiano. Con le Cicogne

Dopo la prima assemblea di Roma ecco nascere un nuovo movimento di coordinamento per la sanità garantita anche nelle aree disagiate. Lo si farà con la Dichiarazione di Bologna. C’è anche il gruppo montanaro per l’Ostetricia, ma anche il comitato per l’ospedale (terremotato) di Amatrice. Si sono coordinati sui social. Tutti i membri e i recapiti

“La Regione scongiuri la chiusura del Punto nascite di Castelnovo ne’ Monti”

C’è anche l’interrogazione alla Giunta dei due consiglieri forzisti Bignami e Aimi: “La scelta di eliminare servizi in un territorio che ne ha particolarmente bisogno deve essere un’ultima possibilità, da evitare in tutti i modi”

Powered by WordPress | Officina48