Corruzione, è tempo di “civil servant”

“È nostra convinzione che il cancro della corruzione nel mondo politico debba essere affrontato partendo dalla ‘base’, ossia dalla qualità delle persone. È indubbio che in Italia questa qualità è andata via via peggiorando con l’aumento esponenziale delle opportunità di guadagno che la politica offriva e, più recentemente, con la legge elettorale ‘porcellum’ di Calderoli e la possibilità di far carriera con il meccanismo della cooptazione dall’alto attraverso le ‘finte’ – perché senza preferenze date ai candidati – elezioni libere”. Contributo di Luigi Bottazzi

Powered by WordPress | Officina48