Si continua a parlare della Diga di Vetto

Riceviamo da Lino Franzini e pubblichiamo Domenica 17 novembre alle ore 10,00 nella Sala Consiglio del Centro Civico “La Corte” di Traversetolo il Consorzio del Bacino Imbrifero Montano e soggetti e istituzioni interessati all’Acqua, all’Agricoltura e all’Ambiente, si troveranno per […]

Lino Franzini: “Manifesto a lutto a Vetto, è la ricorrenza dello stop alla diga”

“Il 15 agosto 2019 ricorre il trentennale della sospensione dei lavori della Diga di Vetto; per commemorare questo giorno, il 15 agosto alle ore 11:00 Lino Franzini, presidente del Consorzio Bim Enza, sarà in piazza a Vetto per scambiare le condoglianze con chi ha lottato per dare un futuro ai paesi montani di questa Valle”

Lino Franzini: “Chiedo un forte impegno alle nuove amministrazioni comunali e alle unioni montane per la ripresa dei lavori della diga di Vetto”

Riceviamo e pubblichiamo. —– Il presidente del Consorzio Imbrifero Montano dell’Enza, costituito il 6 giugno 1956 tra i Comuni montani di Palanzano, Monchio, Tizzano, Neviano, Lesignano e Traversetolo, fa presente che la ripresa dei lavori di costruzione della diga di […]

Lino Franzini: “Alla luce degli invasi realizzati e dei progetti in lavorazione, spero qualcuno rifletta sull’importanza della diga di Vetto”

Riceviamo e pubblichiamo. —– Il 4 giugno 2019 a Palazzo Soragna di Parma, sede dell’Associazione Industriali di Parma, la Presidente dell’Unione Industriali di Parma, Annalisa Sassi, ha condiviso e sostenuto la necessità di realizzare l’invaso di Armorano sul torrente Baganza […]

Lino Franzini: “La verità sulla necessità della diga di Vetto sta finalmente emergendo”

Riceviamo e pubblichiamo. —– Venerdì 17 maggio il Segretario Generale dell’Autorità di Bacino, dott. Meuccio Berselli, ha tenuto il secondo incontro sulla situazione idrica della Valle dell’Enza; il convegno si è tenuto nella sala del Consiglio della Provincia di Reggio […]

Franzini, il sindaco che lascia: “Il mio impegno è servito a ben poco”

Il sindaco “parmigiano reggiano” di Palanzano non si ricandida. E con una lettera sfogo a Redacon spiega i suoi perché. “Con questa politica si può fare ben poco”. “A lottare al mio fianco per chiedere ciò che serve per la montagna ho trovato solo tre sindaci e Martino Dolci”. “La Diga di Vetto: se ci fosse serietà si deciderebbe prima del voto”

Cangiari, Verdi: diga di Vetto, “Nulla cambi, mentre tutto cambia”

Il clima è già cambiato: un inverno siccitoso ha messo i torrenti quasi in secca e il Po si è ritirato, come nelle estati più roventi. Purtroppo questa evidenza non è colta nella sua pienezza ma, come spesso accade specialmente […]

Franzini sulla diga di Vetto: “Occorre un invaso che non favorisca solo la pianura. Da Castelnovo mai atti ufficiali in merito”

Riceviamo e pubblichiamo. —– Spiace che il sindaco Bini, di cui ho sempre apprezzato l’impegno, mi contesti il mio intervento, Castelnovo ne Monti non ha mai fatto nessun atto ufficiale in favore dell’invaso di Vetto, come fatto da Ramiseto e […]

“Non comprendiamo questo intervento”. Bini risponde a Franzini sulla situazione del progetto per la diga di Vetto

In relazione all’intervento del Sindaco di Palanzano Lino Franzini, che ha sottolineato una presunta “immobilità” dell’Unione dei Comuni dell’Appennino sul tema della diga di Vetto e della gestione della risorsa idrica in Val d’Enza, risponde il sindaco di Castelnovo ne’ […]

Lino Franzini all’attacco: “Sulla diga perché Castelnovo tace? E perché per Ramiseto ci sono solo due guadi?”

Commentando una notizia, sul tema diga interviene nuovamente il sindaco di Palanzano, Lino Franzini. Per la prima volta chiama in causa l’Unione dei Comuni e il sindaco di Castelnovo, Enrico Bini, col quale si dichiara legato da amicizia. “Ma alla […]

Lino Franzini, appello sulla mancata realizzazione della diga di Vetto

Riceviamo e pubblichiamo. —– Montanari e agricoltori unitevi, sprecare le acque dell’Enza è vergognoso. Se per motivi incomprensibili le autorità a cui compete decidere sull’invaso di Vetto non lo fanno, è ora che montanari, agricoltori, consorzi di bonifica, associazioni agricole […]

Il Convegno di Vetto ha chiarito: sull’Enza serve acqua, la decisione, anche su possibili invasi, entro tempi brevi

Riceviamo e pubblichiamo. —— Il 31 gennaio 2019, a Vetto, grazie al sindaco Fabio Ruffini, al Segretario Generale dell’Autorità di Bacino, Meuccio Berselli, e all’Assessore Paola Gazzolo, alla presenza dei delegati delle Province di Reggio Emilia e Parma, di tanti […]

Diga: pronti via? A Vetto un convegno e il sindaco Ruffini si schiera

Il 31 gennaio meeting a Vetto con l’Autorità di Bacino e la Regione che pochi giorni prima interverranno a Canossa al convegno antidiga. Intanto si studia il fabbisogno

Vetto: invaso non solo necessario ma anche urgente

Non solo è necessario, ma dopo decenni che se ne parla, è diventato anche urgente realizzare un invaso sulla Val d’Enza in grado di risolvere il grave problema idrico del territorio. È quanto afferma Coldiretti Reggio Emilia in merito al […]

Basta con le menzogne sulla diga di Vetto da parte di chi si definisce ambientalista

Lo afferma Lino Franzini, Sindaco di Palanzano

Franzini alle associazioni ambientaliste: “La Diga serve proprio a fare vivere l’Enza e la valle”

 Riceviamo e pubblichiamo questa nota di Lino Franzini in risposta a una nota di alcune associazioni ambientaliste sul tema della Diga di Vetto. ___ L’invaso di Vetto è indispensabile, basta con i danni da siccità e alluvioni Nelle ultime elezioni […]

Diga di Vetto: gli ambientalisti esclusi dal processo decisionale. Nessuna valutazione su come contenere l’impatto ambientale

La consigliera  Silvia Prodi (Art. Uno-Mdp) ha presentato un’interrogazione urgente sul progetto di invaso approvato dal Tavolo Enza della Regione, «riservato ai soli portatori di interessi economici»

Lino Franzini, sindaco di Palanzano: “Finalmente si è compreso che sull’Enza serve un invaso”

Riceviamo e pubblichiamo. —– Il mondo ha l’acqua alla gola, cita l’Espresso del 13 maggio 2018, stiamo assistendo a 343 guerre a livello mondiale per accaparrarsi le risorse idriche e oltre due miliardi di persone non hanno accesso ad acque […]

Confcooperative rilancia sulla diga di Vetto: “È una priorità”

“Le conseguenze della pesante siccità e la successiva alluvione delle aree del brescellese rappresentano solo l’ultima drammatica conferma della necessità di riprendere urgentemente la realizzazione del progetto originario della diga di Vetto, opera il cui positivo impatto, peraltro, va oltre […]

Legambiente si fa da parte dal tavolo regionale sull’uso dell’acqua

Dalla crisi della scorsa estate nessun coinvolgimento sostanziale sulla tutela degli ecosistemi idrici. Da mesi le associazioni ecologiste attendono di sapere  il numero di deroghe concesse sui fiumi e gli effetti della siccità 2017. Dito puntato sul Deflusso minimo vitale ma anche su un confronto che, sul tema invaso, è tornato ad essere aperto

La piena è passata: l’Enza sa fare sempre paura. E’ d’attualità il tema dell’invaso

Intanto in Regione proseguono i lavori del tavolo tecnico per la realizzazione di un invaso sul fiume

Diga / Franzini: “Ambientalisti, considerazioni errate: ecco perchè”

Riceviamo e pubblichiamo. —– Spett.le Redacon, avevo deciso di non fare alcun commento ma di fronte a quanto scritto dalle associazioni Ambientaliste Reggiane, ma è giusto che la cittadinanza sia informata e ho deciso di scrivere in quanto, come tecnico, […]

Franzini: “Ma ora chi paga i danni delle alluvioni? Se li pagasse chi si è opposto alla diga…”

I cambiamenti climatici, la siccità, la limitata disponibilità di acqua sono stati punti citati anche dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, tra i principali problemi illustrati agli Italiani nel suo discorso di fine anno

I Consorzi irrigui: “Enza. Fenomeni che si possono evitare”

Un invaso avrebbe mitigato l’effetto devastante della piena e l’esondazione di Lentigione. L’analisi dei Consorzi di Miglioramento Fondiario della Val d’Enza. Una testimonianza anche a Lentigione: “traditi dall’argine”

Diga di Vetto / “E c’è chi ha il coraggio di continuare a dire di no”

Il tenace sindaco palanzanese Lino Franzini continua a lavorare per far riprendere il progetto della diga di Vetto. Di seguito uno scambio di comunicazioni con lo Studio Marcello, autore dell’omonimo, noto “Progetto Marcello”. Questi scrive e di seguito Franzini risponde. […]

Prosegue il dibattito sulla diga di Vetto tra Gazze (stretta), Gazzolo (assessore) e Gazzetta (giornale). AGGIORNAMENTO – Intervengono anche le associazioni ambientaliste

Ancora sul bacino nell’Enza. Ci giunge un contributo di Gianni Verzelloni, portavoce Cia (Confederazione agricoltori italiani di Reggio Emilia), che “corregge” un nostro titolo spiegando che l’opera alla “stretta delle Gazze” è preferibile perchè “la diga di Vetto (progetto Marcello) è ferma da più di vent’anni ed ha molti nemici che non mancherebbero di ripresentarsi”

“Diga alla ‘stretta delle Gazze’? No, impegniamoci invece seriamente per la diga di Vetto”

“Castagnetti due mesi fa ad un convegno nel parmense disse: ‘Noi politici dobbiamo ammettere di aver sbagliato a non far ripartire i lavori della diga di Vetto’. Meglio tardi che mai. Castagnetti lo ha capito e lo ha ammesso, ma in quanti lo capiranno ma non lo ammetteranno mai? Nel frattempo l’agricoltura muore e la montagna idem; ma in Emilia va bene così, in Romagna è stato diverso”

Diga di Vetto, “la Regione ne promuova la realizzazione”

Come un fenomeno carsico, ove ogni tanto, qua e là, l’acqua affiora in superficie, per poi ridiscendere nei recessi della terra. Così l’argomento diga di Vetto, che da decenni è lì sul “banco della politica” è lì rimane. Vediamo l’ultimo […]

“Diga di Vetto indispensabile”

“La costruzione di un invaso in alta val d’Enza, definito per semplicità ‘diga di Vetto’, è un’opera indispensabile per lo sviluppo della nostra montagna e dell’agricoltura in val d’Enza; i benefici sono molteplici e l’unica persona rimasta a non comprendere […]

“La diga per far rivivere le terre alte della Val d’Enza”

L’Alta Val d’Enza non si arrende, è un’intera comunità che reagisce allo spopolamento con nuove sfide: dall’innovazione tecnologica (che tarda ad arrivare per problemi “politici”) alla riscoperta delle tradizioni, alle sfide innovative come la diga di Vetto e la fondovalle dell’Enza

Powered by WordPress | Officina48