Riccardo e Aurelia, due lauree, Ligonchio addio per l’Argentina

Bigoi lascia la terra natia con la famiglia. “Vedo il mio paese in estinzione”. “In Argentina pesa l’insicurezza economica, con la doppia moneta, e la legalità. Ma nelle montagne di Cordoba il turismo è volano”. Ritornare in Italia? “Mai dire mai”

Aurora giovane mamma ai Quartieri Spagnoli, viaggio di sola andata

Una coppia di giovani ha abbandonato l’Appennino e il Nord per vivere nella metropoli, a Napoli. Aurora, insegnante e psicologa, il compagno Ezio rianimatore. “Qui in pochi giorni ho iniziato a lavorare. La camorra? Si percepisce, ma non si può vivere con la paura. I problemi della gente in psicoterapia sono gli stessi che da noi”. “Ma in Appennino escludo di tornare”

Racconti di migrazione

A Villa Minozzo sabato 8 luglio alle ore 21 nel sagrato della chiesa

“Viviamo in Inghilterra, ma battezziamo qui nostro figlio”

La storia di una giovane coppia che ha scelto di tornare a Carpineti per questo importante momento. Il nome del piccolo è in inglese, Christopher Andrew e il bollettino parrocchiale si interroga sulla crisi di lavoro in Appennino

“No migranti”

La scritta, comparsa da qualche giorno su un muro lungo la statale 63 nei pressi della Sparavalle, è stata rilevata – fotografata e commentata – da Alessandro Govi, ex sindaco busanese

Tic toc: l’orologio di Ligonchio riposa su un materasso Baldelli… in Australia

L’incredibile cambio di vita dei coniugi Matteo Baldelli e Marzia Del Fabbro, assieme alle tre figlie e alla madre Giacomina. Giavello di Carpineti addio. Un sogno nato dal viaggio di nozze, cresciuto nel tempo, germogliato oltre i lutti e le difficoltà. A Redacon l’esperto: “vivere è un viaggio e chi viaggia vive due volte”

“Non scartare gli stranieri sulla base del loro nome”

Il Centro interculturale “Mondinsieme” con sei partner europei è parte di un progetto sullo studio e l’applicazione del modello canadese DiverseCity on Board, che ha permesso a molte persone con una storia di emigrazione di essere scelte per ruoli di […]

Dolci, 100 anni nel pase dei lupi e dell’agrifoglio. Una storia italiana

Generazioni hanno educato i figli all’amore per l’Appennino. L’illustratore del Corriere disegna l’albero genealogico dei Dolci. E qualcuno di loro rimane, come Daniele, mentre domenica si ricorda Amelia, una delle donne che seppe vivere qui dove la vita non era facile, tra spagnola, sussistenza, e tragici incidenti. Una domenica di festa

Powered by WordPress | Officina48