Qualche nota sulla provinciale 9 e sulle cause dei danni del maltempo

Ci scrive Umberto Manari, direttore tecnico dell’impresa che ha eseguito i lavori lungo la strada provinciale 9, dove martedì si è verificato lo smottamento: “Il dissesto nelle zone montane o scarsamente antropizzate è senza ombra di dubbio riconducibile ad un cambiamento degli eventi atmosferici associato ad una mancanza assoluta di opere manutentive del territorio a cui si somma la scomparsa completa della manutenzione cosiddetta minuta”

“Montagna intubata”

“I fiumi, i torrenti e finanche i più piccoli rii della nostra montagna sono in pericolo: quattro grandi impianti e miriadi di microcentrali idroelettriche incombono sul nostro Appennino. Gli impianti di cui si sta parlando, ancora di tipo tradizionale con lunghe intubazioni, scavi e forte impatto ambientale, mettono a rischio il futuro dei nostri corsi d’acqua proprio ora che una nuova normativa sulla pesca apre interessanti prospettive di sviluppo turistico consentendo la pesca a pagamento sui fiumi e torrenti montani”. Intervento dei gruppi ambientalisti reggiani. AGGIORNAMENTO: ci scrive il sindaco di Toano

“Troppi interventi sui nostri fiumi”

“Osservando il Secchia per un breve tratto su un totale di appena 4 km circa, si possono vedere tutta una serie di interventi che singolarmente analizzati potrebbero non essere valutati negativamente, ma considerandoli nel loro insieme, e cioè tutti concentrati in una manciata di chilometri, diventano inaccettabili per l’impatto che hanno sul territorio”. Ci scrive una lettrice. AGGIORNAMENTO. Nota di Michele Lombardi, sindaco di Toano

Powered by WordPress | Officina48