Lavorare da casa, col mondo: Francesco Canovi e Marco Chiesi relatori a Londra

Sono intervenuti ai prestigioso  WordCamp di Londra. Hanno parlato di come lavorare in remoto tra più persone e di come cambierà la nota piattaforma di Word Press. Tra le loro diapo… l’Appennino

La barca e il feudo

Immediatamente, se ne accorgono. I nostri giovani che sbarcano a Londra – purtroppo sempre più numerosi in questi ultimi tempi – lo avvertono già dai primi passi. Quello di aver cambiato mondo…

“Il primo a uscire dalla chiesa quando la messa sta per finire è il prete”

“Il popolo sta ancora cantando il canto finale e lui, con passo svelto, raggiunge la porta d’entrata. Lo incrociate, poi, sorridente, uscendo, scambiando un augurio, una parola o un appuntamento. In Francia, veramente, trovavo la stessa cosa, lo stesso stile… Anzi a volte il celebrante usciva perfino sul sagrato, restandovi lungamente con tutti i paramenti sacri addosso. Il rifugiarsi in sacristia è, forse, solo un’abitudine nostrana…”

Spirito di un’olimpiade

“Non è servito andare al villaggio olimpico per godersi l’atmosfera. Le olimpiadi sono entrate in casa nostra. Abbiamo ospitato la famiglia al completo di Giorgia, campionessa mondiale italiana di ciclismo. Venuta da Piacenza, in una Londra diventata ormai il centro del mondo”

Mind the gap!

“E’ la frase che ha guidato il mio breve viaggio a Londra. Come un vero leitmotiv: ‘Attenzione alla differenza!. Si è sempre un po’ agitati quando ci si trova di fronte a cose diverse da noi o dai nostri schemi e in un paese come il Regno Unito di situazioni così ce ne sono molte: la moneta, il meteo, la guida a sinistra, il sistema di misura, la cortesia della gente comune con i suoi continui sorry e please…”. Sguardo di scoperta di un giovane seminarista padovano, Alessandro Zuccaretti, sbarcato per breve tempo a Londra

Powered by WordPress | Officina48