Soppressione punto nascite del S. Anna / “Non ci dimettiamo, non fuggiamo dalle responsabilità”

I consiglieri del Movimento 5 Stelle non parteciperanno più ai lavori consiliari mentre tutti gli altri rimarranno ai loro posti. E’ questo l’esito, scontato, dopo la riunione di ieri sera nella casa comunale castelnovese. Del resto, Enrico Bini lo aveva […]

“Un euro per l’oratorio? Non sono d’accordo”

Nella nuova programmazione dei “film del giovedì” del Teatro Bismantova, al via il 28 gennaio prossimo, è previsto un aiuto, sul costo dell’ingresso, all’erigendo oratorio castelnovese. AGGIORNAMENTO – La posizione della lista civica “Progetto per Castelnovo ne’ Monti”

Questione Carpineti e Sassuolo calcio / La minoranza risponde all’assessore Rossi dicendosi “sorpresa”

“Siamo molto sorpresi della risposta dell’assessore Rossi che, in una nota, ammette come l’Amministrazione di Carpineti abbia avviato l’indagine delle cause del deterioramento del manto erboso dei campi sportivi solo all’indomani dell’abbandono del ritiro della prima squadra del Sassuolo calcio”

Taglio alberi via Bagnoli / Anche Sonia Masini e Germano Bizzarri dicono la loro

“Chissà perché un viale da alcuni non è considerato un valore”, ha scritto la prima in Facebook in merito all’operazione portata a termine dall’Amministrazione comunale castelnovese

Taglio platani / “Sindaco, maggiore prudenza nelle dichiarazioni”

Una lettera sulla contrastata operazione di “ripulitura” dal verde degli alberi di viale Enzo Bagnoli a Castelnovo ne’ Monti

“Perchè non sono stati contemplati progetti alternativi?”

Non si spegne – anzi – la polemica sorta in merito al taglio degli alberi di viale Bagnoli, a Castelnovo ne’ Monti. Ultima mossa in ordine di tempo è l’esposto fatto pervenire l’altro ieri dall’avvocata Rossella Ognibene, dello studio legale reggiano Grisendi-Ognibene-Scarpati, al sindaco di Castelnovo ne’ Monti Enrico Bini. AGGIORNAMENTO – Il Comune “rilancia”: “Gli alberi li tagliamo tutti”

Passo di Lagastrello al centro di polemiche

Una volta nella notte fra il 30 aprile e il 1° di maggio era tradizione sulle terre alte di fare gli smaggi, scherzi a raffica a tutti coloro che erano nel mirino degli smaggianti per un motivo o l’altro. Questa […]

“La Regione non tocchi il reparto di ostetricia dell’ospedale Sant’Anna di Castelnovo ne’ Monti”

E’ il perentorio invito che arriva oggi da due consiglieri regionali del M5S. “Non si può cancellare un servizio con la scusa di garantire la sicurezza delle persone e poi proporre un’alternativa che è ancora più insicura della prima. Senza contare che azzerando questo servizio l’intero ospedale sarà destinato a chiudere”. Si allarga il fronte critico verso il destino annunciato del “punto nascite” castelnovese

Ospedale S. Anna / “#Montanaristatesereni”. AGGIORNAMENTO

“Serve dire la verità nuda e cruda. Le parole di Nicolini sono chiare e definitive sulla chiusura del ‘punto nascita del S. Anna’ e solo chi occupa ruoli istituzionali finge ancora di sorprendersi”. “Gli importanti investimenti degli ultimi anni non hanno prodotto un solo posto-letto nè un solo posto di lavoro in più, bensì uffici ed adeguamenti di legge”. “Ora il punto nascita e poi, a ruota, sarà la volta della chiusura dell’attività di microbiologia”. “Fragoroso il silenzio della politica, del Pd e della senatrice Pignedoli”. Scrive il movimento “Persone e montagna”

Ospedale S. Anna & servizi che se ne vanno / “Se ci sarà da mettersi di traverso, dovremo farlo”

Anche Alessandro Govi, ex sindaco di Busana ed esponente piddino, prende posizione – lo fa in Facebook, “sfogatoio” pubblico per eccellenza – sulla questione della probabile soppressione, sia pure differita, del reparto ostetrico dell’Ospedale S. Anna di Castelnovo ne’ Monti. […]

Dopo i comunicati ufficiali Giovanni Teneggi torna sul tema del punto nascita al S. Anna

“Dove sono i rappresentanti regionali e dove la politica?”

Duecentomila euro accantonati, 88mila in beneficenza, 19 agli agricoltori. Scoppia il caso risarcimenti

L’intervento di Francesco Zambonini, direttore Cia: “Lodevole la beneficienza, ma l’Atc ha risarcito le aziende solo per l’equivalente di 190 balloni su 35.000 ettari”. Umberto Gianferrari: “Si è donato qualcosa che si poteva donare a pieno titolo ? E il caso del consigliere deceduto e convocato e di quelli non rinnovati”

Chi ha paura del beato Rolando Rivi?

“La notizia della proibizione – per alcuni studenti della scuola elementare Anna Frank di Rio Saliceto – di visionare la mostra sul martirio del beato Rolando Rivi, seminarista quattordicenne ucciso da due partigiani delle brigate garibaldine – il 13 aprile 1945 – è stata su parecchi giornali nei giorni scorsi…”. Scrive una lettrice

Adunata alpini: “Rammarico, rincrescimento, delusione”

Passata la festa in quel di Valestra nello scorso fine settimana, tre alpini tornano sulla vicenda Schenetti: “I sacri Valori ed Ideali insiti nella storia e nel dna degli alpini crediamo imporrebbero una condotta adamantina, un modo cristallino di gestire e soprattutto interpretare ruoli dirigenziali; purtroppo, con profondo dolore ed altrettanta amarezza, non ci pare di intravvedere nulla di tutto ciò”. E sulla lotteria per la “solidarietà alpina”…

Fioravanti interviene di nuovo e chiede di “chiudere la polemica”

“Consideriamo piuttosto che avere alla presidenza di un istituzione nazionale una personalità reggiana, montanara e di indiscusse competenze e capacità di immaginare un futuro per il crinale appenninico è un fatto positivo per il nostro territorio”

“Il sindaco ‘sceriffo’ non ha vigilato al suo interno”

A Vetto il ragioniere comunale si dimette. Si pagava uno stipendio più alto del dovuto. La minoranza segnala il fatto, il sindaco denuncia. Ma ora scoppia la polemica: “Si controllano i cittadini e non i dipendenti!”

Riaccendiamo l’autovelox spento con l’elezione del sindaco?

A Collagna fa discutere la “coincidente” rottura del discusso autovelox di Acquabona. Su “Idee d’Appennino” un vivace dibattito. “Cosa ne pensano i cittadini?”. “Bene così”. “Ci scapperà il morto”. “Riaccendiamolo”. “Era illegale, mettiamoci un dissuasore”

La giunta comunale di Castelnovo risponde alla Lega nord alto Appennino

“Piena fiducia nelle forze dell’ordine, no alla criminalizzazione preconcetta e no alle ronde”. “Affermazioni farneticanti; valuteremo un’eventuale querela”

Castelnovo, attacco durissimo della Lega nord sulla criminalità locale

“Appoggiamo le ronde felinesi”. “L’Amministrazione buonista di Castelnovo dovrebbe pensare di più ai propri cittadini”. A Marconi: “Vai in Africa e restaci”

Powered by WordPress | Officina48