Una sorpresa bella, il piccolo Juan

Quando sulle montagne più alte arriva un trovatello. Idrocefalo, come gli altri. Speriamo di trovare i genitori. Tenere tra le braccia un bebè, ammalato senza colpa, è un’emozione che chiarisce e rafforza le scelte profonde di chi vive qui o è venuto qui per condividere un cammino

La squadra più bella è quella della vita

Scopriamo La casa de los niños, dove un pizzico d’Appennino ha favorito l’incontro tra due formazioni. O forse di più… I bambini David e Mateo non parlano ma hanno la voce dell’espressione. La paresi di Jacky le dà il movimento di una damigella. Denis ha il capriccio dei genitori che non ha più. Manuelito ha la gracilità di un cuore dolce. Mariano e Aristo non sono orfani d’affetto

Powered by WordPress | Officina48