Gasolio sporco: “Il problema è a monte. No ad allarmismi”

"Gasolio sporco. Il grido a mezzo stampa del presidente di Lapam Confartigianato, Gabriele Arlotti, ci lascia un po' perplessi e preoccupati allo stesso tempo". A denunciarlo è la Federazione autonoma italiana benzinai della Confesercenti, per voce del presidente Piero Burani. "Una certa superficialità - prosegue la nota - nell'affrontare un problema che a volte può capitare ma che non può essere imputata a una specifica area geografica. Si rischia di gettare una pesante luce di discredito degli impianti montani senza che questi ultimi abbiano la benchè minima responsabilità nei casi in oggetto".

"Occorre specificare una cosa: il gasolio venduto normalmente negli impianti italiani, per legge, possiede una percentuale di biodisel del 7%. Questo in particolari condizioni ambientali - di solito quando subisce repentine variazioni di temperatura attorno ai 15°C - subisce una trasformazione producendo una certa quantità di acqua e mucillagine che è poi quella che intasa i filtri dei mezzi".

"Qualcuno potrebbe obiettare - si chiede la nota stessa - che i gasoli dovrebbero essere trattati per evitare che questo accada. E' una obiezione legittima e le compagnie nazionali vendono nei propri punti vendita prodotti di qualità nella stragrande maggioranza dei casi. Può capitare a volte che le condizioni ambientali favoriscano comunque la formazione dei comporti che si accennavano".

Il problema di qualità e prezzi? A monte: "In montagna non si vendono indiscriminatamente prodotti scadenti, anzi. Numerosi gestori almeno una volta all'anno sono visitati dalla Guardia di Finanza che ne controlla i prodotti rilevando eventuali anomalie". "Il gestore non ha nessuna possibilità di intervenire sul prezzo che vende, perchè entrambi sono imposti dalla compagnia che rifornisce in esclusiva l'impianto e che è garante della qualità del prodotto venduto".

"No a ingiustificato allarmismo", conclude la nota.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48