Nepal andata e ritorno, giorno 1. Di Fabrizio Silvetti

Giorno 1
Non amiamo che ciò che conosciamo.

Piano piano, anno dopo anno è decantato il suo aspetto più appariscente.

La prima volta che ho respirato lo smog di Kathmandu mi ha assalito, ed è subentrato l'affetto per la sua capacità di sorridere di niente, per il contrasto tra spiritualità e ritualità quasi superstiziosa che ne permea i muri, per i visi degli amici.
Vivere qui sarebbe impossibile, pochi giorni bastano a sfiancare, ma il desiderio di tornare, anche solo dopo pochi mesi, si fa urgente.
Probabilmente l'aver vissuto, iniziando da qua, periodi importanti della mia vita, lo hanno reso ai miei occhi immagine di profondità e felicità.

Una sorta di transito verso l'intensità.

Camminare per le affollate e sorprendenti vie che portano al suo cuore, fatto di mercati colorati, di templi, di urla, risate, odori, è camminare contro una corrente che ti scaraventa addosso le emozioni del già vissuto.
Ed ogni volta è una nuova volta.

***

Link agli articoli precedenti e alla pagina facebook

Manaslu Project pagina facebook 

Articolo di presentazione

Giorno 0

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Powered by WordPress | Officina48