Pietra di Bismantova / Ecco il crollo visto dall’alto

PdB"Sfogliandolo", internet si arricchisce, per così dire, di immagini su quanto accaduto quattro giorni fa in corrispondenza del piazzale del santuario della Pietra di Bismantova, allorchè un crollo di notevoli dimensioni solo per un caso - la Provvidenza? - non si è trasformato in grave tragedia.

Questa che proponiamo è stata postata da Silvio Bertucci, assessore castelnovese della giunta Bini nonchè direttore della Cooperativa "L'Ovile" che gestisce tra l'altro il Rifugio della Pietra, distante solo una manciata di metri dal punto in cui sono piombati i macigni. Si tratta del dettaglio della vista dall'alto del crollo nella relazione dell'Università di Modena e Reggio e Regione Emilia-Romagna. Un'angolazione che dà un'idea forse più precisa dell'accaduto.

* * *

Aggiornamento 17 febbraio 2015 ore 21,40

Nella giornata di ieri si è svolto a Castelnovo ne' Monti, in Municipio, un incontro tecnico-operativo al quale hanno partecipato l'Amministrazione comunale, con il sindaco Enrico Bini e l'assessore alla protezione civile Silvio Bertucci, il Parco nazionale, il Cai Bismantova, le guide della Pietra di Bismantova, i membri del Comitato per il restauro del santuario, i gestori del Rifugio della Pietra ed i tecnici dell'Università di Modena e Reggio che stanno attuando il progetto di monitoraggio della Pietra a partire dalla frana del 2012. Il tema dell'incontro erano i prossimi passi da intraprendere a seguito del consistente distacco di roccia verificatosi dalla parete di Bismantova venerdì scorso. Dichiara l'assessore Bertucci: “Stiamo cercando di pianificare il da farsi insieme a tutti i soggetti interessati: il primo obiettivo che ci siamo dati è di stilare una tempistica degli interventi e dei possibili tempi di riapertura, almeno parziale, della Pietra. Nel frattempo con i tecnici della Regione abbiamo avviato la richiesta dello stato di calamità naturale: già domani, mercoledì, sarà a Castelnovo una squadra guidata dal Direttore dell'Agenzia regionale di Protezione civile Maurizio Mainetti. La squadra utilizzerà anche un drone, che potrà volare sulla verticale del distacco ed analizzare ancor più in profondità tutta l'area di crollo”. Prosegue Bertucci: “La chiusura complessiva di tutta la Pietra di Bismantova è stata decisa a titolo precauzionale: vogliamo sottolineare che non tutte le pareti di Bismantova presentano uguali fattori di rischio, per cui contiamo di riaprire presto alcuni dei sentieri di accesso e di salita alla Pietra. Ovviamente per far ciò attendiamo comunque i risultati del primo esame complessivo che si sta portando avanti con gli esperti dell'Università. Per quanto riguarda invece quella che è stata l'area del crollo, che potremmo definire “zona rossa”, il discorso è ovviamente diverso: la messa in sicurezza richiederà tempo e investimenti piuttosto consistenti, in quanto non sarà soltanto necessario asportare il materiale caduto, operazione che presenta già di per sé grosse difficoltà logistiche, ma ci sono anche altre fessurazioni da analizzare e su cui eventualmente effettuare interventi, con ditte specializzate che compiano abitualmente operazioni di questo tipo sulle Alpi. Un altro obiettivo comune uscito dall'incontro è quello di mantenere costante l'informazione su ogni passaggio che compiremo, anche perchè in questi giorni sono state pressanti le richieste in tal senso, da parte dei tantissimi amanti della Pietra non solo della provincia di Reggio ma un po' da tutta Italia”.

* * *

Correlati:

Crollo sul sagrato del santuario della Pietra: travolta la statua di S. Benedetto. “Chiusa Bismantova” (13 febbraio 2015)

“Il santuario dovrà presto essere riaperto” (15 febbraio 2015)

Quando il cuore trema (15 febbraio 2015)

La Madonna della Pietra potrebbe traslocare dopo sei secoli. Ma ha vegliato sul don e sui fedeli (15 febbraio 2015)

Pietra di Bismantova / Rimossa e portata in luogo sicuro la statua di S. Benedetto (21 febbraio 2015)

Riaperta parte della Pietra di Bismantova. Resta inaccessibile soltanto la “zona rossa” attorno all’area di crollo (21 febbraio 2015)

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

2 Commenti

  1. Vorrei fare presente all’Assessore che nel nostro Appennino ha sede l’unica azienda dell’Emilia Romagna che svolge unicamente bonifiche, demolizioni e consolidamenti di pareti rocciose, lavorano in tutta l’Italia del nord; hanno demolito e consolidato anche la parete nord est della rocca di Canossa. Il personale è tutto locale e hanno tutti la qualifica di rocciatori; è triste vedere che i nostri politici non conoscono la realtà del mondo imprenditoriale locale, ma soprattutto di realtà abbastanza rare e molto specializzate.

    (RM)

    Rispondi
  2. Concordo pienamente con “RM”. Ancora troppi politici, escluso pochi, hanno se non la piena, nemmeno la parziale conoscenza delle potenzialità presenti sul territorio che governano. Cordialmente.

    (Luana)

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Powered by WordPress | Officina48